Editoriale

Addio al cardinal Tonini, il saluto di Pettinari

30 Luglio 2013

Antonio Pettinari

30 Luglio 2013 19:24


Molte le occasioni, pubbliche e private in cui ho avuto modo di intrattenermi con lui, anche nella mia parrocchia. Riusciva sempre a trasmettere il succo del suo pensiero senza perdersi in fronzoli. Tutta la sua vita, del resto, è stata segnata da questa etica del mettersi al servizio degli altri; aveva una passione per gli altri.
Era un grande comunicatore, in grado di trasmettere i valori umani partendo dalla fede e dagli insegnamenti ricevuti dalla famiglia. Aveva scelto di essere un cristiano povero in una Chiesa povera; aveva ceduto ai contadini le terre della Diocesi di Macerata: in questo Tonini “anticipò” Papa Francesco.
Prete di campagna, come di campagna erano i suoi genitori, dai quali - raccontava - aveva imparato il modello di vita. E proprio questo punto mi sembra, oggi, più che mai importante: la famiglia come forza propulsiva dei giovani, come riparo dai rischi della società, come palestra per allenarsi a spiccare il volo.
Unica la sua capacità di rapportarsi con gli altri, di saper ascoltare e capire, “prevedendo” le grandi lacerazioni delle questioni sociali contemporanee in una visione quasi profetica che auspicava un mondo di eguaglianza e di pace attraverso una equa distribuzione delle ricchezze nel mondo.
Ci è stato di grande aiuto, ma soprattutto ci ha fatto vedere concretamente lo stile di vita di un cristiano. Non lo potremo mai ringraziare abbastanza.

Potrebbero interessarti


Sostieni Picusonline.it Effettua una donazione con PayPal

Picus On Line utilizza cookies per memorizzare informazioni sul tuo computer. Alcuni sono fondamentali per il funzionamento del nostro sito, altri ci aiutano a migliorare l'esperienza degli utenti. Utilizzando questo sito, acconsenti al posizionamento di questi cookies. Informazioni