Esteri

Nomine UE, quasi al completo la squadra di Jucker

04 Settembre 2014

I probabili nuovi commissari europei

04 Settembre 2014 16:54

Bruxelles - Il presidente della Commissione europea Jean Claude Juncker, sta completando gli incontri per designare i nuovi commissari ma la stampa europea ha già visionato un organigramma, non definitivo, che è pieno di sorprese. Scomparso il posto di commissario per l’allargamento, appare invece un nuovo posto di vice-presidente per l’Unione dell’energia, in aggiunta al commissario per l’energia ed il clima. Compare anche un vice presidente per la crescita, l’Unione economica e monetaria, il semestre europeo ed il dialogo sociale.

Sei sono i vice-presidenti proposti nella Commissione. Due sono del Ppe (Partito popolare europeo): la polacca Bienkoswska (bilancio e controllo finanziario) e il lettone Valdis Dombrovkis per l’Unione dell’energia.
Due sono di S&D (socialisti e democratici): Frans Timmermans dei Paesi Bassi nominato vice presidente per la migliore regolazione e l’italiana Federica Mogherini quale alto rappresentante Ue per la politica estera e la sicurezza.
Infine due vice presidenti appartengono all’Alde (Alleanza dei democratici e liberali) e sono l’estone Andrus Ansip che si occuperà della crescita, l’unione economica e monetaria, il semestre europeo ed il dialogo sociale, e la slovena Alenka Batusek vice presidente per il digitale e l’innovazione.  

Diciotto sono i commissari designati;nove appartengono al Ppe, cinque sono del partito S&D, tre dell’Alde ed uno all’ECR. Per citarne alcuni, alla bulgara Kristalina Georgeva (Ppe) che fino all’ultimo aveva insidiato il posto della Mogherini andrà la responsabilità della “fiscalità e la lotta antifrode”, al maltese Carmenu Vela (S&D) la pesca, la danese Margreta Vestager (Alde) prenderà il portafoglio dell’ambiente. Il lituano Adruikaitis (S&D) un fisico di formazione, sarà responsabile per la sanità e la sicurezza alimentare.
Per la  Francia Pierre Moscovici (S&D) prende il portafoglio per la competizione. In un primo momento la Francia aveva fatto pressioni per avere “gli affari economici” che è andato però al finlandese Katainen che detiene questo portafoglio ereditato da Olli Rehn.         

 


Sostieni Picusonline.it Effettua una donazione con PayPal

Picus On Line utilizza cookies per memorizzare informazioni sul tuo computer. Alcuni sono fondamentali per il funzionamento del nostro sito, altri ci aiutano a migliorare l'esperienza degli utenti. Utilizzando questo sito, acconsenti al posizionamento di questi cookies. Informazioni