Cronaca

Maltempo, la Regione Marche chiede lo stato di emergenza

09 Febbraio 2015

Paola Giorgi, Assessore alla Protezione Civile: 'Stiamo lavorando per aiutare le amministrazioni locali a chiudere celermente ciò che concerne le rivelazioni, in modo da avviare la fase di ripristino, anche in vista della prossima stagione estiva'.

La Redazione

09 Febbraio 2015 16:39

Ancona - Il presidente della Regione, Gian Mario Spacca, ha chiesto, al Governo nazionale, la dichiarazione dello stato di emergenza per il maltempo che ha devastato le Marche a partire dal pomeriggio del 4 febbraio scorso. Le lettere sono state inviate al presidente del Consiglio dei ministri, Matteo Renzi e al capo del Dipartimento della protezione civile della presidenza del Consiglio dei ministri, Franco Gabrielli.

Il territorio marchigiano – evidenzia il presidente Spacca - è stato interessato da una straordinaria condizione di maltempo (precipitazioni intense e violentissime mareggiate) che hanno provocato localizzate esondazioni di corsi d’acqua, allagamenti in aree urbane ed extraurbane, frane e interruzioni stradali, soprattutto nella porzione costiera e collinare del territorio.
L’evolversi della situazione è stata oggetto di costanti informative inoltrate dalla Sala operativa regionale a Sala Italia (Sala operativa delle Protezione civile nazionale, N.d.R.) basate sulle comunicazioni inoltrate dai soggetti operanti sul territorio e sulle risultanze di sopralluoghi appositamente disposti nei luoghi ove venivano segnalate le maggiori criticità. In particolare, le mareggiate hanno devastato ampi tratti del litorale e impedito il regolare deflusso delle piene dei fiumi, causando ingenti danni alle infrastrutture pubbliche e private e alle attività produttive localizzate sulla costa.
Gli Enti locali, le società che assicurano la erogazione dei servizi pubblici e i gestori delle infrastrutture principali stanno impiegando tutto il personale e le risorse a disposizione per consentire, nel minor tempo possibile, il ritorno a normali condizioni di funzionalità; il dato puntuale dei danni subiti potrà essere solo nei prossimi giorni.
Comunque lo scenario è sicuramente quello di una situazione fronteggiabile solo con mezzi e poteri straordinari e, pertanto, chiedo la dichiarazione dello stato di emergenza ai sensi dell’art. 5 della Legge 225 del 1992”. A questo proposito, l’assessore alla Protezione civile, Paola Giorgi, ha già attivato tutte le strutture regionali coinvolte per predisporre il “rapporto evento” e la documentazione necessaria per sostenere la richiesta dello stato di emergenza:
“Stiamo lavorando per aiutare le amministrazioni locali e gli enti coinvolti a chiudere celermente la fase delle rilevazioni, in modo fa tramettere subito la documentazione necessaria a Roma e avviare la fase di rispristino, anche in vista della prossima stagione estiva
”.



Sostieni Picusonline.it Effettua una donazione con PayPal

Picus On Line utilizza cookies per memorizzare informazioni sul tuo computer. Alcuni sono fondamentali per il funzionamento del nostro sito, altri ci aiutano a migliorare l'esperienza degli utenti. Utilizzando questo sito, acconsenti al posizionamento di questi cookies. Informazioni