Politica

Mega-metanodotto, una nuova tegola per il nostro territorio

13 Aprile 2015

Gabriele Illuminati: 'L’impatto sarà forte, basti pensare che la larghezza del fronte sarà di 18 metri, attraverserà i nostri vigneti, uliveti e coltivazioni agricole in zone geologicamente fragili'

La redazione

13 Aprile 2015 00:00

Cupra marittima - Mentre è ancora grande la preoccupazione dei cittadini per la vicenda delle trivellazioni che potrebbe portare alla realizzazione di un pozzo esplorativo in località Canali a Ripatransone, e forse un secondo pozzo a Santa Maria a Mare a confine tra Offida e Ripatransone , che una nuova tegola sta per abbattersi sul nostro territorio.

Si tratta della realizzazione di un mega metanodotto denominato “Cellino-Teramo-San Marco 2° tronco” che partendo da Teramo, fino ad arrivare a Sant’Elpidio a Mare, attraverserà le nostre campagne per un totale di 75 km.




                                        Gabriele Illuminati


L’impatto sarà forte, basti pensare che la larghezza del fronte sarà di 18 metri, attraverserà i nostri vigneti, uliveti e coltivazioni agricole in zone geologicamente fragili.

Si tratta infatti di un metanodotto cosiddetto di “prima specie” ad alta pressione (75 bar) con un tubo di diametro cm.50, in confronto il metanodotto scoppiato a Pineto è un giocattolo.



L’inizio dei lavori è previsto entro il 2016, il progetto sarà realizzato dalla Società Gasdotti Italia SPA di Milano, nella nostra Provincia i Comuni interessati al passaggio sono: Ascoli Piceno (Villa Sant’Antonio), Castel di Lama (Sambuco, Lama Tosa), Castorano (Rocchetti), Offida (Borgo Miriam, Val Messieri, S. Maria Goretti), Ripatransone (San Rustico, S.Maria a Mare, Madonna del Carmine, San Giuseppe, Sant’Imero) e Montefiore dell’Aso (Valmenocchia, Madonna delle Grazie, Valdaso).



Il Comune più attraversato è Ripatransone (Km 9,6) a seguire Offida (Km 6,8) e passerà proprio in località san Giuseppe dove proprio in questi giorni si sta vivendo un’emergenza frane con sgomberi di abitazioni.

E’ utile ricordare l’importanza di questi due Comuni per l’economia della zona, legata alle produzioni agricole e vitivinicole, che tale progetto andrà, inevitabilmente a colpire.

Ma i Comuni interessati che stanno facendo? Semplicemente hanno approvato tale progetto nei relativi Consigli Comunali (Ripatransone in data 11.12.2014 e Offida in data 27.11.2014) dicendo che è una formalità, tanto non si può fare niente perché l’autorizzazione sarà rilasciata dal Ministero dello sviluppo Economico.



Ma non la pensano così i Comuni del vicino Abruzzo, il Consiglio Comunale dii Sant’Egidio alla Vibrata ha espresso, ad unanimità, parere contrario dicendo “ la realizzazione del progetto risulterebbe altamente impattante e avrebbe effetti negativi: sulle attività di insediamento della nuova zona industriale del Comune di Sant’Egidio alla Vibrata, sulle attività agricole, oltre a determinare una situazione di fragilità idrogeologica e sismica nonché una situazione di rischio di vario genere, legate alla pericolosità del prodotto trasportato”.



E’ difficile pensare che questo possa fermare il progetto, ma far sentire la propria voce a difesa de proprio territorio è un dovere per ogni Amministrazione.

Invito i “nostri” sindaci a non essere sempre fatalisti, ad attuare tutto quanto nelle loro possibilità in difesa dei cittadini, e soprattutto coinvolgerli in questi progetti(come previsto dalla legge 108/2001) che troppo spesso rimangono chiusi nei loro cassetti.






Sostieni Picusonline.it Effettua una donazione con PayPal

Picus On Line utilizza cookies per memorizzare informazioni sul tuo computer. Alcuni sono fondamentali per il funzionamento del nostro sito, altri ci aiutano a migliorare l'esperienza degli utenti. Utilizzando questo sito, acconsenti al posizionamento di questi cookies. Informazioni