Cronaca

La 'Piccola Opera della Divina Provvidenza' di Don Orione ad Ascoli

07 Giugno 2015

Il vescovo Giovanni D’Ercole ha accolto i responsabili della Congregazione alla quale appartiene con grande fraternità e senso di ospitalità 

La redazione

07 Giugno 2015 10:08

Ascoli - La comunità della Curia generale della Piccola Opera della Divina Provvidenza fondata da don Orione e alla cui Congregazione appartiene il nostro vescovo Giovanni D’Ercole, è stata accolta venerdì 5 giugno, ad Ascoli dove si sono recati per trascorrere una “giornata comunitaria” vicino al loro confratello Vescovo.

La giornata si è svolta con semplicità e spirito di comunione. Il Vescovo ha ricevuto in Episcopio i membri della Curia, insieme al vicario generale, mons. Emidio Rossi e il Cancelliere, mons. Lino Arcangeli, facendo poi loro visitare la Cattedrale di Sant’Emidio, la pinacoteca e gli ambienti dell’episcopio e le piazze della Città suscitando ammirazione e stupore per le bellezze artistiche ed architettoniche.


Sul sito della Congregazione hanno scritto: «È stata sufficiente una breve passeggiata per il centro storico per renderci conto che aveva ragione Jean-Paul Sartre a dire che “passeggiare per le strade di Ascoli Piceno, per i vicoli divisi tra ombra e sole, equivale a sfogliare un libro di storia dell'arte italiana, imbattendosi nelle illustrazioni più rappresentative ed espressive”, del Romanico, Gotico, Rinascimentale, Barocco… Splendide e nobili le due maggiori piazze, quella della Cattedrale e quella del Popolo».

Il Vescovo, durante la messa in Cattedrale, prendendo spunto dalla lettura del libro di Tobia, ha invitato alla fiducia nella Divina Provvidenza che sempre conduce a buon fine le vicende, a volte impreviste e anche ostili, della vita. Alla messa si è reso presente per un saluto anche il sindaco di Ascoli, Guido Castelli.

Al termine della visita alla città, per il pranzo, ci si è recati all’abbazia di Valledaqua, gioiello del secolo XI vicino ad Acquasanta, dove sono presenti alcune monache Camaldolesi e una Associazione di laici che ne promuove la spiritualità e l’accoglienza.


Al pranzo gli ospiti sono stati accolti dal direttore della Casa del Clero, Don Giuseppe Bachetti e Don Lino Santini della Casa del Clero, e dai responsabili dell’Associazione Amici di Valledacqua, guidati da Don Bernardo Domizi.

Al termine una preghiera nell’antica chiesa del Monastero e la partenza “con gli occhi piene delle bellezze ammirate e il cuore grato per tanta fraterna cortesia”.


Sostieni Picusonline.it Effettua una donazione con PayPal

Picus On Line utilizza cookies per memorizzare informazioni sul tuo computer. Alcuni sono fondamentali per il funzionamento del nostro sito, altri ci aiutano a migliorare l'esperienza degli utenti. Utilizzando questo sito, acconsenti al posizionamento di questi cookies. Informazioni