Cronaca

Muore sul colpo per l'esplosione di una bombola di gas

06 Agosto 2015

Antonio Mercuri, 43 anni, era andato al distributore con la sua Opel, per riempire due bombole da cucina. La bombola esplosa aveva un riduttore per le bombole di gas metano nel bocchettone. 

La redazione

06 Agosto 2015 18:20

Macerata - E' molto probabile che la morte di Antonio Mercuri, di 43 anni, sia dovuta ad un tragico errore. L'uomo è deceduto a Corridonia per l'esplosione di una bombola da Gpl in una stazione di rifornimento.


Era andato al distributore con la sua Opel, per riempire due bombole da cucina. La bombola esplosa aveva un riduttore per le bombole di gas metano nel bocchettone. Antonio Mercuri è morto sul colpo.


Illeso ma sconvolto l'addetto al distributore che è stato comunque portato al pronto soccorso. L'erogatore del metano ha una pressione di 220 atmosfere; quello del Gpl di soli 20 bar. Sul posto i vigili del fuoco e i carabinieri, che conducono le indagini.


La procura della Repubblica di Macerata ha sequestrato la stazione di rifornimento della “Metano 96 srl” di Corridonia dove è avvenuta la disgrazia. Aperto un fascicolo per accertare le responsabilità dell'incidente.


"Si è trattato di un rifornimento anomalo - ha detto il procuratore capo Giovanni Giorgio -, ma soprattutto va sottolineato che non è consentito approvvigionarsi di Gpl in una stazione di rifornimento di metano per auto".


Sostieni Picusonline.it Effettua una donazione con PayPal

Picus On Line utilizza cookies per memorizzare informazioni sul tuo computer. Alcuni sono fondamentali per il funzionamento del nostro sito, altri ci aiutano a migliorare l'esperienza degli utenti. Utilizzando questo sito, acconsenti al posizionamento di questi cookies. Informazioni