L'opinione

Ferrovie dello stato senza vergogna, isolano territori colpiti dal #terremoto

13 Dicembre 2016

dott. Franco Ferroni

13 Dicembre 2016 19:57

Con l'entrata in vigore il giorno 11 dicembre 2016 dell'orario invernale scompaiono i treni e pullman sostitutivi da Fabriano a Macerata del pomeriggio e in serata.


Chi arriva da Roma per Matelica, Castelraimondo – Camerino, San Severino Marche e Tolentino (le stazioni FS più vicine ai territori colpiti dal #terremoto) ha come ultimo treno utile l'Intercity 540 che parte da Roma Termini alle ore 15.35 ed arriva a Fabriano alle ore 18.04 con la coincidenza per Macerata alle 18.35.


Tutti i treni successivi da Roma Termini per Fabriano (15:58 - 17:38 - 18:35 - 20:58) non hanno più le coincidenze con Tolentino - Macerata, neppure tramite pullman sostitutivi.


Il primo treno utile dopo le 15.35 è previsto alle ore 7.40 del giorno dopo.


Una vergogna senza giustificazioni, sommata all'ipocrisia della pubblicità delle FS del viaggio gratuito (1 corsa andata o ritorno) per i residenti nei Comuni colpiti dal #terremoto.


Tutto questo senza alcun preavviso per i viaggiatori (molti pendolari lavoratori e studenti settimanali) e nel silenzio assordante della Regione Marche.


Questa è la risposta delle nostre Istituzioni per la rinascita (o semplicemente il sostegno) ai territori dell'alto maceratese colpiti dal terremoto.


L'auspicio è che tutti i Sindaci dei Comuni interessati dalla linea FS Fabriano - Macerata colpiti dal terremoto facciano sentire a nome dei loro concittadini lo sdegno sincero e profondo per questa decisione unilaterale delle Ferrovie dello Stato di modificare l'orario invernale per le corse che collegano la capitale con i territori colpiti dal terremoto della Provincia di Macerata.


Dopo il terremoto le comunità locali devono adesso affrontare anche l'isolamento imposto dalle Ferrovie dello Stato e dai nostri Amministratori regionali.


Questo è il sostegno che si pensa di garantire per i prossimi anni alle esigenze delle comunità locali e all’economia turistica dei territori colpiti dal sisma ?


Siamo costretti come cittadini residenti nell’alto maceratese a subire questo ennesimo colpo di grazia per l'entroterra già messo in ginocchio dal sisma, che dobbiamo evidentemente interpretare come l'invito esplicito ad abbandonare i nostri territori, ritenuti oggi ancora di più marginali.


La risposta di chi si ostina a vivere nei Comuni colpiti dal terremoto non puo’ che essere: resistere, resistere, resistere.... nella speranza che qualcuno risponda alla richiesta di aiuto per non abbandonare nei fatti chi deve affrontare il post terremoto e vuole ripartire (possibilmente anche in treno o con i mezzi di trasporto pubblici)….!


Sostieni Picusonline.it Effettua una donazione con PayPal

Picus On Line utilizza cookies per memorizzare informazioni sul tuo computer. Alcuni sono fondamentali per il funzionamento del nostro sito, altri ci aiutano a migliorare l'esperienza degli utenti. Utilizzando questo sito, acconsenti al posizionamento di questi cookies. Informazioni