Cronaca

'Il futuro si costruisce adesso', incontro con i sindaci del Fermano per divulgare la campagna informativa

06 Marzo 2017

Assunzione di ulteriori 350 Co.co.co per la ricostruzione, tra le quattro regioni terremotate (il 62% riservato alle Marche)

la redazione

06 Marzo 2017 18:20

Amandola - “Il futuro si costruisce adesso” è l’invito della campagna di comunicazione della Regione Marche per avviare la ricostruzione leggera: quella che richiede interventi di minore entità e che dispone già degli strumenti operativi per iniziare.


Un’opportunità poco conosciuta dai cittadini, che la Regione intende divulgare più incisivamente attraverso la collaborazione dei Comuni. Il punto è stato fatto nell’incontro per le amministrazioni comunali del Fermano che si è svolto nel pomeriggio ad Amandola.


“Negli incontri finora svolti abbiamo riscontrato grande disponibilità da parte dei sindaci. Questo ci consente di sperare nell’efficacia della comunicazione e nella conseguente possibilità che i cantieri, per i danni lievi, possano finalmente partire”.


Ad Amandola è stata illustrata la nuova disposizione che consente l’assunzione di ulteriori 350 Co.co.co per la ricostruzione, tra le quattro regioni terremotate (il 62% riservato alle Marche). Alle Province marchigiane è riservata una quota di 21 persone, ai Comuni 196, per complessive 217. Le assemblee delle tre provincie hanno discusso sul piano assunzioni e la distribuzione del personale tra gli enti.


Tecnici iscritti agli albi professionali, assunti con procedure più semplici e immediate rispetto al personale a tempo determinato previste nelle ordinanze. “Daranno una grande mano ad accelerare le attività della ricostruzione”, ha detto Ceriscioli. Il presidente ha anticipato che già domani, i sindaci del tavolo ristretto della governance di tutte le province si confronteranno, a Macerata, per definire i contenuti dell’ordinanza della ricostruzione pesante, per i danni gravi.


“Già le strutture tecniche regionali hanno elaborato proposte e osservazioni, ora sarà la volta delle amministrazioni comunali. È la prima volta che si costruisce un provvedimento di questa portata partendo dal basso: segno della grande attenzione e disponibilità a realizzare insieme un percorso condiviso e attento alle reali esigenze locali”, ha concluso il presidente.  


Sostieni Picusonline.it Effettua una donazione con PayPal

Picus On Line utilizza cookies per memorizzare informazioni sul tuo computer. Alcuni sono fondamentali per il funzionamento del nostro sito, altri ci aiutano a migliorare l'esperienza degli utenti. Utilizzando questo sito, acconsenti al posizionamento di questi cookies. Informazioni