Cronaca

Crollo ponte sull'A14, tra i 41 indagati anche dirigenti e funzionari di Aspi-Autostrade

18 Maggio 2017

Nel capo d'imputazione le accuse, a vario titolo, di disastro colposo, cooperazione in omicidio colposo, lesioni colpose e violazione delle norme sulla sicurezza

La redazione

18 Maggio 2017 19:06

Ancona - Il Pm Irene Bilotta ha iscritto nel registro 41 indagati (37 persone fisiche e quattro società) per il crollo del ponte 167 sull'A14 che il 9 marzo causò la morte dei coniugi Emidio Diomede e Antonella Viviani.


Tra loro ci sono anche 6 tra dirigenti e funzionari di Aspi-Autostrade per l'Italia e loro Roberto Tomasi, condirettore generale Nuove Opere, compresi i responsabili di procedimento, gli ing. Giovanni Scotto Lavina e Guido Santini.


Nell'elenco c'è anche Mauro Coletta, direttore dell'Istituto di vigilanza sulle concessioni autostradali. Tutti gli indagati comprese le società Autostrade per l'Italia, Pavimental, Delabech (che eseguì i lavori) e Spea Engeneering (progettista), sono stati raggiunti dall'avviso di atto irripetibile, che è un atto di garanzia, per le accuse, a vario titolo, di disastro colposo, cooperazione in omicidio colposo, lesioni colpose e violazione delle norme sulla sicurezza.


Sostieni Picusonline.it Effettua una donazione con PayPal

Picus On Line utilizza cookies per memorizzare informazioni sul tuo computer. Alcuni sono fondamentali per il funzionamento del nostro sito, altri ci aiutano a migliorare l'esperienza degli utenti. Utilizzando questo sito, acconsenti al posizionamento di questi cookies. Informazioni