Ambiente

Con 'Smart mobility 2017' della Camera di Commercio il Piceno sarà la prima provincia in mobilità elettrica delle Marche

27 Giugno 2017

Con il progetto 'Accoglienza Picena', Emotion, socio di Genera Scarl, mette a disposizione il sistema intelligente di colonnine elettriche di ricarica SpotLink 

Gaetano Amici

27 Giugno 2017 10:23

Ascoli - “Il dado è tratto”, il Piceno si appresta a diventare la prima provincia delle Marche nella mobilità elettrica grazie al bando della Camera d Commercio “Smart mobility 2017”. “Abbiamo deliberato – dice il presidente Gino Sabatini - uno stanziamento di 60 mila euro per dare contributi a tutte le imprese di ricezione turistica del territorio che investiranno nell'installazione di una colonnina per la ricarica di auto elettriche. Il bando è già scaricabile dal sito con tutte le informazioni del caso e terminerà il prossimo novembre. Di fatto abbiamo – continua Sabatini - già tutte le imprese dalla montagna al mare che hanno acquisito il Marchio di Qualità “Ospitalità Italiana” istituito dalla Regione Marche. E installare una colonnina elettrica nel proprio spazio privato, ma ad uso pubblico non potrà che aumentare la qualità di queste imprese.



Il contributo della Camera di Commercio di Ascoli Piceno è un cofinanziamento del 50% alla spesa totale della colonnina da installare. Considerando che potrebbero essere almeno 30 le imprese che raccoglieranno la sfida all'innovazione in mobilità, a fronte di una presenza attuale nell'intera regione Marche che si conta sulle dita di una mano, il Piceno diventerebbe un segnale di modernità e pilota di una “rivoluzione” già in atto nell'Unione Europea.

Come sempre i progetti innovativi vincono quando c'è sinergia tra innovazione e territorio. “A raccogliere la sfida è Genera Scarl, - dice il presidente Bruno Bucciarelli - che ha già contribuito alla riqualificazione della ex Sgl Carbon con la creazione di Restart Srl, e ora lancia “Accoglienza Picena” grazie ad un socio umbro che è leader nella mobilità elettrica: Emotion.


Il nostro sistema SpotLink è un network di colonnine uniche nel proprio genere, - spiega Lio Mancinelli, presidente di Emotion - Offrono una serie di servizi aggiuntivi tecnologicamente avanzati sia al gestore della colonnina, che all’utente finale”.

E fa provare al presidente Sabatini il “brivido” del silenzio con un accelerazione da gran premio della montagna a bordo di una Bmw i3 che ha portato alla conferenza di presentazione del progetto presso Villa Tofani.


Noi un progetto simile lo abbiamo anche in Umbria, dove abbiamo la nostra sede, e oggi in regione ci sono 120 colonnine di ricarica – dice Lio Mancinelli – Ma qui nel Piceno abbiamo trovato una pubblica amministrazione come la Camera di Commercio sensibile all'innovazione e alla mobilità smart con la creazione di una rete di colonnine. E' un primo passo ma è molto importante per lo sviluppo dell'utilizzo dell'auto elettrica. Emotion mette a disposizione degli hotel anche le auto elettriche, sotto forma di noleggio, da dare ai clienti. Si tratta di un nuovo servizio alla clientela e anche di un nuovo introito economico per l'attività di ricezione. Pensate, tornando indietro nel tempo, che i taxi di New York nel 1910 erano elettrici, l'avvento del motore a scoppio con il calo del prezzo del petrolio allora hanno affossato questa tecnologia. Ora però in Europa le prospettive sono queste: entro il 2025 in Olanda saranno banditi i motori diesel. In tutto il nord Europa c'è una presenza importante dei veicoli elettrici circolanti e in tutti gli alberghi ci sono colonnine elettriche di ricarica. A Parigi c'è una presenza rilevante di car sharing elettrico. Tutte le case automobilistiche stanno producendo veicoli elettrici puri. ”.


Le colonnine del sistema SpotLink costano all'incirca 4 o 5 mila euro. La Camera di Commercio con il contributo previsto dal bando abbatte del 50% il costo d'installazione.


Un tema importante che fino ad ora aveva frenato lo sviluppo della mobilità elettrica era l'autonomia della batteria e quindi dei chilometri da percorrere. Oggi abbiamo con una vettura performante come la Bmw i3 circa 150 chilometri di autonomia e con una colonnina SpotLink è sufficiente 1 ora per ricaricarla: un pieno costa 3 euro (calcolando le normali tariffe dei gestori elettrici sul mercato).

Ma se si passa al modello Zoe di Renault l'autonomia raddoppia: 300 chilometri.

Noi abbiamo due parchi, quello dei Sibillini e della Laga, - dice il presidente Gino Sabatini - pensate a percorrere quelle strade con un'auto elettrica senza generare rumore e CO2. Dobbiamo difendere il nostro ambiente, il nostro paesaggio: la mobilità elettrica rappresenta una cura formidabile per raggiungere questo obiettivo.”




Sostieni Picusonline.it Effettua una donazione con PayPal

Picus On Line utilizza cookies per memorizzare informazioni sul tuo computer. Alcuni sono fondamentali per il funzionamento del nostro sito, altri ci aiutano a migliorare l'esperienza degli utenti. Utilizzando questo sito, acconsenti al posizionamento di questi cookies. Informazioni