Politica

Fratelli d’Italia: 'Nostri sopralluoghi nelle piccole e medie aziende danneggiate e dimenticate, poi denunce e proposte

21 Ottobre 2017

Un gruppo di lavoro si attiverà dalla prossima settimana per raccogliere l’appello inascoltato delle imprese “terremotate”

La redazione

21 Ottobre 2017 19:30

Marco Fioravanti con Giorgia Meloni

“La Terra continua a tremare e la politica, nelle stanze dei bottoni, rimane immobile. Ma non si può più stare a guardare impassibili quello che sta succedendo alle piccole e medie imprese del Centro Italia, fortemente danneggiate e completamente dimenticate. Occorre muoversi e in fretta, prima che sia troppo tardi”.

Fratelli d’Italia non ci sta e annuncia, dalla prossima settimana, l’attivazione di un gruppo di lavoro che effettuerà “sopralluoghi nelle piccole e medie imprese che hanno subìto danni ingenti e sono senza tutela per poi denunciarlo e produrre proposte concrete di intervento dello Stato - attraverso gli uffici per la ricostruzione - per far sì che non ci siano interruzioni di produzione, ma soprattutto perdita di occupazione in un territorio abbandonato che ha già pagato un caro prezzo pagato”.



“Il terremoto – spiega il vice-portavoce di Fdi nelle Marche, Marco Fioravanti - continua a scuotere la stabilità sociale e psicologica dei nostri territori e questo dovrebbe spingere ad una accelerazione del lavoro di prevenzione e soprattutto di azioni immediate di misure di tutela familiare e occupazionale. Ma mentre il Governo e le Regioni farfugliano su defiscalizzazioni ed incentivi sui nuovi insediamenti di imprese, cosa condivisibile e positiva, andrebbero comunque tutelati il mantenimento o l’incremento dei livelli occupazionali ed il legame con il territorio senza permettere a qualcuno, come in passato, di sfruttare finanza pubblica sulla nostra pelle per poi reinvestire altrove”.


“La nostra preoccupazione più grande, - aggiunge Fioravanti - per la quale vorremmo lanciare un preoccupato segnale di allarme alle Regioni coinvolte ed al commissario De Micheli, è che si sta riservando molta poca attenzione alle piccole e medie imprese da 20 a 50 dipendenti che hanno subìto danni importanti agli stabilimenti con riflessi sulla produzione e non sono sostenute e tutelate dai vari decreti attuati. Si sta mettendo fortemente a rischio un tessuto produttivo che pur nella difficoltà ha finora mantenuto le proprie radici e che garantisce reddito a migliaia di famiglie”.


Potrebbero interessarti

Approvato il Bilancio 2017

Approvato il Bilancio 2017

21 Novembre 2017


Sostieni Picusonline.it Effettua una donazione con PayPal

Picus On Line utilizza cookies per memorizzare informazioni sul tuo computer. Alcuni sono fondamentali per il funzionamento del nostro sito, altri ci aiutano a migliorare l'esperienza degli utenti. Utilizzando questo sito, acconsenti al posizionamento di questi cookies. Informazioni