Eventi

Inaugurazione del 682° Anno accademico dell’Unicam alla presenza del premier Gentiloni

06 Novembre 2017

Ceriscioli: “Dal presidente Gentiloni un intervento di grande spessore e concretezza”.  Apprezzamento per il recupero dell’area Casermette e per l’anticipato accordo con il Cnr.


La redazione

06 Novembre 2017 18:02

Camerino - “Un intervento di grande spessore, di grande concretezza che ci consente di guardare al futuro con fiducia e orgoglio”. È quanto ha commentato il presidente della Regione, Luca Ceriscioli, in merito al saluto del presidente del Consiglio, Paolo Gentiloni, tenuto a Camerino all’inaugurazione del 682° Anno accademico.

“Non solo ha onorato, con la sua presenza, questa manifestazione, ma ha fatto un discorso tutt’altro che formale. Pieno di messaggi positivi e di impegni importanti”. Secondo Ceriscioli, “ha rivolto un messaggio estremamente positivo, perché ha fatto del rilancio dell’Università di Camerino un punto importante e simbolico rispetto al terremoto. Avere un Governo in grado di dare risposte significative, ci permette di procedere con fiducia lungo il cammino di rinascita del territorio”.

È stata un’apertura dell’Anno accademico caratterizzata dall’insediamento del nuovo rettore Claudio Pettinari, al qual Ceriscioli rivolge “i migliori auguri”. Ma due sono i passaggi del discorso del premier Gentiloni e del rettore Pettinari, particolarmente graditi dal presidente della Regione: il recupero dell’area Casermette, il deposito militare in località Torre del Parco, a favore dell’Università, assicurato da Gentiloni e l’accordo con il Cnr (Consiglio nazionale delle ricerche), anticipato dal rettore, che rafforzerà la collaborazione dell’Ateneo con il dipartimento di Scienze umane e sociali dello stesso Cnr.

“L’impegno sulle aree delle Casermette - ha detto Ceriscioli – garantisce un intervento di riqualificazione in grado di offrire tutti gli strumenti che servono alla didattica, alla ricerca e alle prospettive di sviluppo dell’Ateneo indicate dal nuovo rettore. Il rapporto con il Cnr, poi, rafforza la grande qualità didattica e di ricerca dell’Università.

L’intesa segnerà la presenza Consiglio nazionale su questo territorio con attività di ricerca nazionale e internazionale. Si rafforzeranno le infrastrutture della conoscenza, a testimonianza di come possiamo uscire più forti dall’esperienza del terremoto. La risposta che vogliamo dare, con la ricostruzione, non è solo di rinascita, ma di un rilancio importante per l’Università di Camerino e per le Marche”.

Potrebbero interessarti


Sostieni Picusonline.it Effettua una donazione con PayPal

Picus On Line utilizza cookies per memorizzare informazioni sul tuo computer. Alcuni sono fondamentali per il funzionamento del nostro sito, altri ci aiutano a migliorare l'esperienza degli utenti. Utilizzando questo sito, acconsenti al posizionamento di questi cookies. Informazioni