Cronaca

L'Unitalsi compie 80 anni: una storia di amore e dedizione ai malati e ai disabili con lo sguardo a Lourdes

05 Dicembre 2017

Il 7 dicembre grande festa per ricordare questa importante ricorrenza presso la chiesa di S. Andrea


La redazione

05 Dicembre 2017 17:41

Ascoli - Compie 80 anni la sottosezione dell'UNITALSI di Ascoli Piceno. Una storia di solidarietà e speranza iniziata nel 1938 con l'organizzazione del primo pellegrinaggio al Santuario della Madonna di Loreto. Durante il conflitto mondiale, infatti, era stato vietato qualsiasi viaggio all'estero e in particolare in Francia e per ciò a Lourdes: la vera casa di tutti gli unitalsiani. Così il primo "treno giallo" ebbe come meta il santuario della Madonna Lauretana. Con l'inasprirsi del Secondo conflitto mondiale vennero sospesi anche i pellegrinaggi a Loreto. Solo nel 1952 ripresero finalmente verso Lourdes e verso i grandi santuari italiani e internazionali senza più interrompere una vera e propria tradizione che ha portato in pellegrinaggio alla grotta di Massabielle decine di generazioni di ascolani.


Proprio questa esperienza del pellegrinaggio accanto alle persone malate e ai disabili ha permesso ai volontari della sottosezione di creare anche sul territorio di Ascoli Piceno una rete di sostegno materiale, umano e spirituale anche nel quotidiano, con la presenza negli istituti di ricovero e nella case di riposo, con l'organizzazione delle prime giornate di fraternità, con gli appuntamenti periodici presso le Parrocchie della Diocesi per presentare il carisma dell'Associazione e l'esperienza del pellegrinaggio. Da questa gioia unitalsiana dell'incontro nasce così anche l'Associazione "Festa della Vita", fondata proprio dai soci disabili con il desiderio di incontrarsi anche durante la settimana per stare insieme.


Su questo solco di "carità vissuta" fioriscono così altre iniziative: nel 2008 viene fondata la comunità educativa per minori "La Casa di Gigi", in risposta alla richiesta del territorio di accogliere l'infanzia ferita. Nel 2012 e negli anni successivi, presso Casa Madre Maria, di proprietà della Diocesi e in gestione alla Sottosezione, vengono accolti i profughi immigrati e sostenuti nel loro percorso di inserimento nella società.


"È questa una ricorrenza importante – spiega GIUSEPPE PIERANTOZZI, presidente della Sezione Marchigiana dell'UNITALSI – che ci ricorda quanto la nostra Associazione sia radicata nei territori e in particolare ad Ascoli Piceno. Mi fa piacere sottolineare come nel 1958 venne realizzato lo stendardo della sottosezione, benedetto dal Vescovo Mons. Morgante, e come questo momento altamente simbolico è coinciso anche con la partenza il primo Treno Giallo della Sezione Marchigiana con meta Lourdes, in occasione del centenario delle apparizioni. Un segno importante di come tutti gli unitalsiani siano legati alla "bella Signora" che apparve a Santa Bernadette".


"A distanza di ottanta anni, - spiega MASSIMO MAZZONI, presidente della sottosezione di Ascoli Piceno- tutti noi siamo pronti a festeggiare la nostra Sottosezione, questa amata e veneranda anziana signora, sempre giovane, che ci ha insegnato e ci insegna ad amare ciò che è autentico e vero. Ci ritroveremo tutti insieme giovedì 7 dicembre alle ore 20,00 presso la Chiesa di Sant'Andrea in corso Mazzini n. 31/33 per un gran galà, nel corso del quale potremo ricordare il lungo cammino fatto insieme, gioire di ciò che siamo come unitalsiani e guardare uniti a nuovi traguardi. Per informazioni e prenotazioni 3409909300".


Sostieni Picusonline.it Effettua una donazione con PayPal

Picus On Line utilizza cookies per memorizzare informazioni sul tuo computer. Alcuni sono fondamentali per il funzionamento del nostro sito, altri ci aiutano a migliorare l'esperienza degli utenti. Utilizzando questo sito, acconsenti al posizionamento di questi cookies. Informazioni