L'opinione

Le bufale di Casini e di D’Erasmo contro i dipendenti pubblici che non si comportano come sudditi

20 Febbraio 2018

Ricordo che due settimane fa, fu lo stesso Galanti a smentire la provincia di Ascoli che - margine della procedura di screening via/vas sulla Carbon - pretendeva di far pagare illegittimamente una tassa di quasi 600.000 al comune di Ascoli.

Guido Castelli

20 Febbraio 2018 18:29

Ascoli - Dopo le fake news della Casini sui ritardi (rivelatisi inesistenti ) delle pratiche del terremoto ad Ascoli, il Presidente della Provincia reitera il tentativo di intimidazione nei confronti dei dipendenti del comune di Ascoli. “La colpa “ dell’emergenza rifiuti - secondo D’Erasmo - sarebbe dello Sportello Unico dell’Edilizia di Ascoli (Sic). Peccato che l’emergenza dura dal 2014 e che D’Erasmo a più di tre anni dal suo insediamento a Palazzo San Filippo non ha cavato un ragno dal buco, costringendo le famiglie picene a subire aumenti derivanti dalla sua incapacità.

Consiglio ancora una volta la ricostruzione che il Sindaco PD di Monteprandone Stefano Stracci, sul proprio profilo fb, ha offerto circa l’emergenza rifiuti. Contiene tutti gli elementi per capire come stanno le cose. Ma a parte questo particolare, è significativo che nel mirino degli esponenti PD, ieri la Casini e oggi D’Erasmo, si trova sempre lo stesso Dirigente: l’Arch. Galanti, reo evidentemente di non rendersi strumento delle strategie ordite dal PD piceno su rifiuti ed altro.

È gravissimo che, nel 2018, esistano amministratori di vertice di una regione e di una provincia che - come nel caso della Casini e di D’Erasmo - attaccano i dipendenti pubblici di un comune solo per il fatto che fanno il proprio dovere e applicano la legge senza ascoltare le sirene del PD.

Galanti è il Dirigente che tre giorni fa ha fatto luce sui falsi dati della Casini sulla ricostruzione ad Ascoli. Oggi viene aggredito da D’Erasmo perché sul sormonto Geta applica la legge alla lettera senza farsi intimidire dal PD.

Ricordo che due settimane fa, fu lo stesso Galanti a smentire la provincia di Ascoli che - margine della procedura di screening via/vas sulla Carbon - pretendeva di far pagare illegittimamente una tassa di quasi 600.000 al comune di Ascoli.

Insomma Galanti è un professionista capace nonché un uomo libero.

Mi rendo conto proprio per questo che non può piacere a D’Erasmo e alla Casini che continuano a collezionare figuracce proprio perché sono abituati a trattare i dipendenti come sudditi.


Sostieni Picusonline.it Effettua una donazione con PayPal

Picus On Line utilizza cookies per memorizzare informazioni sul tuo computer. Alcuni sono fondamentali per il funzionamento del nostro sito, altri ci aiutano a migliorare l'esperienza degli utenti. Utilizzando questo sito, acconsenti al posizionamento di questi cookies. Informazioni