Salute

Ansia: il disturbo del nuovo millennio

04 Aprile 2018

E la società stessa non ci aiuta: fra fake news, terrorismo informativo e disoccupazione, le preoccupazioni si accumulano e finiscono per sovrastarci a ogni ora della giornata. 

La redazione

04 Aprile 2018 17:32


Ansia: il disturbo del nuovo millennio che sempre più spesso affligge i giovani. Parliamo, infatti, di un disturbo psicologico molto diffuso specialmente tra le nuove generazioni, che non di rado è legata a condizioni altrettanto preoccupanti, come la depressione e la mancanza di autostima, che innescano un circolo vizioso ancora più difficile da combattere. Ma ciò che stupisce di più è che oggi l’ansia è vista non tanto quanto una malattia ma quasi come una condizione normale. Basti ad esempio pensare al tweet pubblicato qualche mese fa dalla nota social media editor Sarah Fader: “Chi non è ansioso nel 2017 ha dei problemi”. Un tweet – ironico ma nemmeno poi tanto – che non ha generato critiche ma piuttosto tantissimi apprezzamenti e re-tweet. Perché, in fondo, tutti noi oggi siamo afflitti dall’ansia, al punto da averla accettata come nostra compagna di vita.


Ansia: significato della patologia e conseguenze


L’ansia è una condizione psico-fisica che porta con sé una perenne sensazione di pericolo o di fallimento, che può manifestarsi all’improvviso e senza alcun apparente motivo, cosa che mette ulteriormente a disagio chi ne soffre, sempre costretto a vivere sul chi va là. Ma i problemi veri emergono quando l’ansia si tramuta in disturbo d’ansia generalizzata: in questo caso la paura diviene costante, non è più legata a situazioni specifiche ma a una preoccupazione perenne che finisce per prendere il sopravvento sulla nostra psiche e sul nostro corpo. E le conseguenze? A livello fisico sintomi come spossatezza, tachicardia, confusione e dolori muscolari. A livello psicologico, invece, il soggetto ansioso è sempre irritabile, rifugge i contatti sociali e nutre grandi difficoltà relazionali, di concentrazione e lavorative.


Combattere l’ansia? Non è facile, ma si può


Combattere l’ansia richiede molto impegno e per gestirla è necessario prima di tutto prendere coscienza del problema: in altri termini, dobbiamo accettare di essere vittime di questa condizione e capire che l’ansia è un nemico – seppur invisibile – la cui vittoria dipende esclusivamente da noi. Certo è che per chi soffre di ansia generalizzata, spesso questa condizione non sparisce mai del tutto ma può essere soltanto tenuta sotto controllo. Imparare a convivere con l’ansia non è facile, ma ci sono numerosi aiuti ai quali è possibile ricorrere. Ad esempio, il sito combatterelansia.com è una risorsa molto valida dove si possono trovare moltissime informazioni utili sulle cause e i sintomi del disturbo di ansia generalizzata, così come interessanti informazioni sui possibili trattamenti. Inoltre, sui social network esistono centinaia di gruppi di supporto e comunità, un ottimo modo per confrontarsi con altre persone affette dalla stessa patologia. Infine, mai sottovalutare il prezioso aiuto che può fornire uno psicoterapeuta.


Ansia da Millennials: perché ne soffriamo?


C’è un’intera branca della sociologia che si sta occupando dell’ansia da nuovo millennio, che vede sempre più individui soffrire di questa patologia. Ciò è dovuto al fatto che l’ansia viene comunemente legata al fattore produttività: in un’era in cui non si smette mai di lavorare e di correre, l’ansia cresce e diventa stabile, fra scadenze impossibili da mantenere e mille impegni da coniugare. E la società stessa non ci aiuta: fra fake news, terrorismo informativo e disoccupazione, le preoccupazioni si accumulano e finiscono per sovrastarci a ogni ora della giornata. Ma non solo, studi dimostrano che i social network esasperano questa condizione, specialmente nei giovani. Questo è dovuto principalmente a causa delle notizie e degli status sempre più drammatici dei nostri amici, nei quali finiamo per identificarci.



Sostieni Picusonline.it Effettua una donazione con PayPal

Picus On Line utilizza cookies per memorizzare informazioni sul tuo computer. Alcuni sono fondamentali per il funzionamento del nostro sito, altri ci aiutano a migliorare l'esperienza degli utenti. Utilizzando questo sito, acconsenti al posizionamento di questi cookies. Informazioni