Ambiente

Ciip Spa tiene alla qualità del territorio, monitoraggio dei fiumi rassicurante

09 Agosto 2018

I turisti possono fare tranquillamente il bagno sulla costa picena e fermana. Compiuti decine di prelievi a monte e a valle dei depuratori in uno studio scientifico affidato alla Cia Lab.

Gaetano Amici

09 Agosto 2018 00:06

Ascoli - Goletta Verde di Legambiente fa prelievi sulla costa adriatica per verificare l'inquinamento nei pressi delle foci dei fiumi? Beh, Ciip Spa compie con metodo di grande puntualità scientifica decine e decine di controlli a monte e a valle dei depuratori perché tiene che la bellezza dei nostri paesaggi e le ricchezze ambientali siano garantite nel tempo, cosicché i turisti continuino ad arrivare nei nostri territori.


“Ciip Spa, oltre a tenere conto dei prelievi eseguiti costantemente dall'Arpam sui corsi d'acqua che scorrono nelle zone di competenza, da diversi anni – dice il presidente Giacinto Alati, supportato dall'architetto Gozzi e dal coordinatore dell'Ente Celani - affida un proprio studio di monitoraggio alla società Cia Lab per verificare lo stato di inquinamento a monte e a valle dei depuratori che gestisce e che nel corso degli anni ha realizzato o ammodernato per migliorare lo stato ambientale dei fiumi. Ciip Spa conta su dipendenti di grande qualità – aggiunge Alati - che in questi anni hanno reso la Ciip Spa migliore. Una constatazione che viene maggiormente convalidata dallo stress di sistema rappresentato dal terremoto. In quest'occasione si è apprezzato il valore e l'impegno dei nostri dipendentuesto lavoro solo nel 2017 ha consentito di sanare e mettere in connessione con la rete di depurazione 10 mila utenze, cioè scarichi che fino a quel momento sversavano direttamente nei fiumi senza passare per alcun depuratore grande o piccolo che fosse”.In particolare, come spiegano i tecnici di Cia Lab Gianluca Lelli ed Ernesto Corradetti, si è fatto molto di più: è stato eseguito anche un monitoraggio con prelievo anche in condizione di pioggia critica per valutare come il dilavamento dei terreni e i reflui che fuoriuscivano dagli sfioratoi degli impianti fognanti incidessero sull'eventuale contaminazione.

Sulla base delle considerazioni fatte in premessa e delle valutazioni del dati analitici ottenuti, è possibile raggruppare in tre differenti livelli di rischio la possibilità che le acque di balneazione vengano influenzate negativamente dalle acque di scorrimento dei corsi d'acqua monitorati.

1) Rischio pressoché inesistente; su 100 controlli effettuati sulle acque di balneazione in prossimità della foce, si registra almeno un campione positivo, R<1%;
2) Rischio apprezzabile; su 100 controlli effettuati se ne registrano ai massimo 10 positivi, R<10%; 3) Rischio basso; su 100 controlli effettuati se ne registrano al massimo 30 positivi, 9.<30%;


Occorre far presente che la classificazione appena esposta è del tutto arbitrarla e serve a stabilire, in modo relativo, dove è più probabile che si verifichino problemi alla balneazione. Sulla base di tale risultato è possibile valutare se intervenire a monte con azioni migliorative sulle infrastrutture deputate al trasporto e alla depurazione di liquami e sulle rispettive linee gestionali.




Sostieni Picusonline.it Effettua una donazione con PayPal

Picus On Line utilizza cookies per memorizzare informazioni sul tuo computer. Alcuni sono fondamentali per il funzionamento del nostro sito, altri ci aiutano a migliorare l'esperienza degli utenti. Utilizzando questo sito, acconsenti al posizionamento di questi cookies. Informazioni