Lavoro

Congresso Fillea Marche, 'Fabbrica per Fabbrica, Cantiere per Cantiere: costruiamo il futuro'

20 Ottobre 2018

Solo nelle Marche, circa 70 mln di incompiute e quasi 5mld di euro in investimenti pubblici rimasti sulla carta. 

La redazione

20 Ottobre 2018 07:30

Daniele Boccetti

Pretare - La Fillea conta 8530 iscritti nelle Marche e tutela i lavoratori dell’edilizia, del legno e delle cave. La gran parte degli iscritti è concentrata nel Pesarese dove il distretto del legno, sebbene ridimensionato dalla crisi, esprime ancora una centralità nella regione. La Fillea, riunita a Pretare (Arquata del Tronto), si avvia al secondo congresso regionale e s’ impegna per i prossimi 4 anni, a continuare le battaglie per la legalità, per il lavoro e per la buona qualità dell’occupazione. Sisma, rete infrastrutturale, distretto del legno sono tre principali direttrici verso cui è e sarà rivolta l’azione della categoria.

RICOSTRUZIONE POST-SISMA - La ricostruzione, dopo il sisma del 2016, è partita con il passo sbagliato: già nella fase dell’emergenza si sono visti i gravi limiti delle tante aziende e committenze che hanno operato. A distanza di quasi due anni dalle principali scosse, non sono ancora state consegnate tutte le SAE e l’inizio della ricostruzione si è rilevata lenta e sregolata. Nel Maceratese ma anche nelle altre province coinvolte nella ricostruzione, il “sistema” ha dimostrato di non avere anticorpi robusti contro infiltrazioni e abusi e tutto si è svolto in totale assenza di regole, trasparenza e legalità.

QUADRILATERO - Anche l’asse viario che collega le province di Ancona e Macerata e dal cui sviluppo passa la possibilità di una rinascita del territorio, ha fatto registrare una battuta d’arresto. La Pedemontana delle Marche, che avrebbe collegato Fabriano a Muccia e che sarebbe strategica per le aree appenniniche dell’entroterra, è interamente finanziata (quasi 200 milioni di euro), ma con il concordato di Astaldi, seconda azienda d’Italia, 11500 dipendenti, è fortemente a rischio. Il più grande cantiere delle Marche è fermo da settimane e con esso i quasi 500 lavoratori (tra diretti e indiretti) che li erano impiegati.


DISTRETTO LEGNO i numeri non confortano se esaminiamo la situazione del pesarese, uno dei più importanti distretti del mobile d’Italia: le aziende attive nel settore legno/mobili erano 1474 nel 2010 e sono rimaste 1211 (quasi meno 20%); gli addetti del settore industria calano a 39026 da 47407 del 2010 (oltre 18% in meno). Un cambiamento strutturale e un trend che ormai non sembra reversibile.

LE INCOMPIUTE DELLE MARCHE – Tutto questo s’ innesta in un una Regione il cui mercato immobiliare è fermo (con qualche modesto segno più sulle ristrutturazioni) e dove ci sono circa 70 mln di opere incompiute e quasi 5 mld di euro in investimenti pubblici in opere infrastrutturali, stanziati negli ultimi anni che non si sono mai tramutati in cantieri per problemi amministrativi o burocratici o, peggio ancora, per problemi delle aziende vincitrici degli appalti

I DATI DEL SETTORE - Nelle Marche, negli anni della crisi, si sono persi quasi il 50% dei posti in edilizia che significa oltre 13000 posti in meno e oltre 3000 aziende cessate. A questo, si aggiunge un dimezzamento delle ore lavorate e delle masse salari delle casse edili (da225mila del 2009 alle 126 mila circa del 2017). La media delle ore mensili lavorate in edilizia si attesta intorno a 110 nelle Marche, numero che da solo dice dove sta andando il settore e quali trasformazioni in termini di riemersione di lavoro nero e grigio sta subendo. Si vedrà se, nei prossimi mesi, con il DURC per congruità, che la Fillea ha fortemente voluto, il sindacato sarà in grado di modificare questi numeri indecenti per una regione civile.

Le priorità per la Fillea regionale, ribadite nel congresso di oggi, rimangono pertanto la tutela del lavoro e delle lavorazioni, l’intera struttura è impegnata nel supporto alle tante vertenze aperte.

Al termine dei lavori, Daniele Boccetti è stato confermato segretario generale Fillea Cgil Marche a maggioranza.



Sostieni Picusonline.it Effettua una donazione con PayPal

Picus On Line utilizza cookies per memorizzare informazioni sul tuo computer. Alcuni sono fondamentali per il funzionamento del nostro sito, altri ci aiutano a migliorare l'esperienza degli utenti. Utilizzando questo sito, acconsenti al posizionamento di questi cookies. Informazioni