Eventi

'Aspettando gli zanni. Carnevale storico di Pozza e Umito'

20 Febbraio 2019

Terzo appuntamento con l'edizione inverno-primavera del Festival dell'Appennino 2019. Il Carnevale di Pozza e Umito è per longevità secondo solo a quello di Fano e rappresenta un’arcaica reminiscenza di riti agrari che affondano le proprie radici in epoca augustea e sono legati alla fertilità della Terra.


La redazione

20 Febbraio 2019 10:49

Ascoli - Nuovo appuntamento con il Festival dell'Appennino che per l'edizione inverno-primavera 2019 propone un bellissimo gemellaggio con il Carnevale Storico di Pozza e Umito, frazioni del Comune di Acquasanta Terme (AP).

“Aspettando gli Zanni” si svolgerà sabato 23 febbraio 2019 ad Umito con un interessante incontro con l'Associazione Carnevale di Pozza e Umito ed un concerto di musica popolare per attendere l'arrivo del carnevale.

L'appuntamento è per le ore 21:00 presso l'agriturismo Laga Nord di Umito dove sarà possibile anche prenotare la cena (0736-804888). Dopo l'introduzione al carnevale storico, seguirà il concerto del gruppo musicale La Macina.


Il Carnevale di Pozza e Umito è per longevità secondo solo a quello di Fano e rappresenta un’arcaica reminiscenza di riti agrari che affondano le proprie radici in epoca augustea e sono legati alla fertilità della Terra. In corteo, gli abitanti delle frazioni indossano le maschere di personaggi fissi quali i suonatori di organetto, la coppia di sposi, la coppia diavolo-guardia ed il famoso gruppo di “Zanne” e vagano per le vie dei paesini. “Lu Zanne” è un coloratissimo abito di origini longobarde, importato dai maestri scalpellini lombardi che, nel Cinquecento, giunsero in questa zona per eseguire lavori di riquadratura in pietra e marmo.


Il corteo si muove con grida e festeggiamenti per le vie dei due abitati muovendosi da Umito a Pozza, fermandosi di casa in casa su invito dei proprietari a favorire al banchetto allestito sulla strada, dove vengono serviti i tipici ravioli dolci di castagne e le castagnole fritte insieme al vino cotto, rigorosamente prodotti in casa. Il tutto è rallegrato dalle musiche del saltarello, fino a raggiungere il punto finale del corteo in cui si dà luogo al tradizionale balletto.


Sabato prossimo l'attesa del Carnevale Storico sarà allietata, alle 21:30, dal concerto de La Macina. Attivi da oltre quarant'anni nel panorama musicale di canti e tradizioni popolari, il Gruppo di Ricerca e Canto Popolare La Macina è il più autorevole portavoce del ricchissimo patrimonio della tradizione e della cultura orale marchigiana. Negli anni ha pubblicato sedici LP ed un volute di Cultura Popolare Marchigiana, la più ampia ed organica raccolta di canti e tradizioni popolari marchigiani. Attingendo alle radici più profonde dalla tradizione e dai riti della civiltà contadina, La Macina porta in scena un concerto coinvolgente ed emozionante.


Il Festival dell'Appennino è organizzato dall'associazione culturale Appennino Up ed è realizzato grazie al sostegno e al contributo del Mibact e della Regione Marche.

Fondamentale nella riuscita del Festival è il sostegno dei Comuni, delle Pro Loco e delle comunità locali che accolgono e supportano le iniziative proposte.


Il Festival dell'Appennino, nato nel 2011 quale iniziativa della Provincia di Ascoli Piceno per contribuire al sostegno e alla riscoperta del territorio montano piceno, è diventato un appuntamento imperdibile per molti turisti ed anche per i cittadini del territorio piceno che sono invitati a scoprire luoghi e zone montane spesso sottovalutate.


Sostieni Picusonline.it Effettua una donazione con PayPal

Picus On Line utilizza cookies per memorizzare informazioni sul tuo computer. Alcuni sono fondamentali per il funzionamento del nostro sito, altri ci aiutano a migliorare l'esperienza degli utenti. Utilizzando questo sito, acconsenti al posizionamento di questi cookies. Informazioni