Politica

'Ascolto & Partecipazione', vuol far contare gli ascolani nelle scelte per la propria città

20 Febbraio 2019

Incontro pubblico il 22 febbraio alle 17.30 su 'Democrazia Partecipativa' con il professor Carlo Di Marco a Palazzo dei Capitani. 

Gaetano Amici

20 Febbraio 2019 11:32

Walter Sfratato e Nazzareno Marinelli

Ascoli - I volti della politica cittadina in attesa della scadenza elettorale del prossimo 26 maggio, con il rinnovo dell'amministrazione comunale di Ascoli Piceno, sono davvero eterogenei e, seppure frastornati dal panorama nazionale, cercano di marcare le differenze.

Ascolto & Partecipazione”, comitato cittadino costituitosi da qualche mese, vuole porsi fuori dalla mischia della politica “scontata” innanzitutto perché non vuol farsi tirare la giacchetta dai tempi stretti delle prossime amministrative.

Uno strumento ritenuto fondamentale è quello di ritornare ai comitati di quartiere, le circoscrizioni, dove gli stessi cittadini potevano essere arbitri della qualità della vita in ogni zona della città.

Tra i fondatori l'ex vice presidente della Regione Marche Antonio Canzian, e Peppe Pizi (Economo comunale), al momento sono circa 80 gli iscritti.

Lo scopo del Comitato, si dice, è quello di ricostruire un rapporto con la propria comunità che sia il più diretto e contiguo possibile spingendo su quella che considerano l'unica chance per creare una breccia nel mare magnum dell'astensionismo: la partecipazione.


Un tema che diventa centrale nella prima uscita pubblica, quella del prossimo 22 febbraio alle 17.30 a Palazzo dei Capitani, che vedrà il tema della “Democrazia Partecipativa” affrontato nell'incontro con il professor Carlo Di Marco, docente universitario di Diritto Pubblico.


“Ascolto & Partecipazione” si colloca a sinistra e considera prematuro parlare di possibili propri candidati alle prossime amministrative. Sarà il contatto con i cittadini nel dibattito sui temi della città (il degrado di alcuni quartieri, le esternalizzazioni dei servizi che prima erano fatti direttamente dal Comune, lo svuotamento di attività nel centro storico) che segnerà tempi maturi o meno per essere della partita elettorale.


Di fatto considerano “scioccante che il Sindaco di Ascoli Piceno in un'intervista racconti che venga fermato ogni 12 passi dai cittadini con richieste più o meno diverse per ottenere risposte di proprio interesse: significa che c'è poca trasparenza”.


E neppure interessa al Comitato cittadino che il Movimento5Stelle si affidi alla scelta di persone di richiamo per formare la propria giunta pensando esclusivamente al consenso che quelle persone potranno portare al momento del voto. Un sistema diverso ma con gli stessi scopi, per gli iscritti al movimento, che nel centrodestra si fa con la creazione di innumerevoli liste elettorali.

Invitano gli ascolani ad iscriversi ad Ascolto e Partecipazione e a seguire le varie iniziative che si faranno sulla pagina Facebook https://www.facebook.com/APComitatoCivico/


  • Le riflessioni e gli interrogativi posti ai cittadini da Ascolto & Partecipazione



  • E' un Comitato libero e spontaneo, apartitico, antifascista che si propone di affrontare le problematiche cittadine. Il nostro è un tentativo generoso di stimolare il confronto per rianimare una città Paralizzata, impaurita, dimessa e che arretra su molti fronti (demografico del lavoro del suo ruolo) e sempre Più chiusa in se stessa. Una città dove il dibattito politico monopolizzato dal centrodestra (presente e passato) che se la canta e se la suona con i suoi galli che si beccano per decidere chi farà il candidato sindaco, chi il consigliere regionale chi il candidato presidente della regione e chi il parlamentare. Ma dei problemi di Ascoli chi ne parla? O va tutto bene! Noi crediamo di no e vogliamo rivolgerci direttamente ai cittadini chiedendogli di non rinchiudersi nella sfiducia e nella delusione, ma di riacquistare il gusto e voglia di esprimere loro opinione, di assumersi la responsabilità di esserci, contribuendo con le loro idee e le loro proposte a provare a risolvere almeno qualcuno dei problemi cittadini. Non ci piacciono né i Capitani, né le consultazioni on-line. Crediamo invece nella partecipazione diretta, quella vera, delle Persone in carne ed ossa! Non abbiamo velleità elettorali, ma solo quella di dimostrare che una parte almeno degli ascolani avrebbe tante idee e tanto da dire sul modo di amministrare la nostra città! Non è un caso che la nostra prima nostra iniziativa riguardi la Democrazia partecipativa! Non solo. Riteniamo necessario e qualificante inserire nello Statuto comunale un articolo che garantisca ai cittadini, singoli o associati, e alle associazioni sociali, culturali, imprenditoriali il diritto a prendere parte in modo informato ai processi decisionali che riguardano i quartieri, la viabilità, la pianificazione urbanistica, l'ambiente, la qualità della vita ed altro.

    Intanto, e solo per incominciare, offriamo alcuni spunti di riflessione e discussione.


    Che ne pensano i cittadini


    Alla luce dell'esperienza attuale, di avviare un percorso di riacquisizione dei servizi pubblici (gestione dei parcheggi, illuminazione pubblica, verde pubblico, mense scolastiche, ecc.) da parte del Comune?

    Di riequilibrare la scelta delle precedenti amministrazioni di privilegiare la crescita e lo sviluppo della grande distribuzione (addirittura trasferendovi anche la farmacia comunale!), certamente una delle cause principali della desertificazione del centro storico?

    Di un piano di agevolazioni fiscali per coloro che recuperano, acquistano o affittano a fini residenziali, commerciali o artigianali immobili nel perimetro del centro storico?

    Di un Piano di valorizzazione di immobili pubblici (finanziamenti statali ed europei) per realizzare alloggi di edilizia residenziale a prezzo agevolato, soprattutto nel tessuto urbano, e gestiti direttamente dal Comune?

    Di un piano serio di lotta al degrado e all'incuria di zone importanti del centro storico con interventi per il decoro e l'arredo urbano?

    Di pensare a due eventi culturali importanti, caratterizzanti e possibilmente unici nel panorama nazionale, da ripetersi ogni anno tali da rappresentare un appuntamento fisso ed in grado di attrarre visitatori ed appassionati?

    Di una programmazione seria (e non raffazzonata, improvvisata e spesso di scarso valore) di eventi culturali, gastronomici, ecc. distribuiti nell'arco dell'anno?

    Di una maggior cura degli spazi pubblici (verde, parchi, piazze, anche promuovendo un comportamento civile dei cittadini?

    Di realizzare davvero, e non solo sulla carta, il Parco fluviale del Tronto sull'esempio di quanto realizzato in tante città italiane?

    Di come valorizzare il Pianoro di S. Marco: i cittadini gli imprenditori le associazioni, gli appassionati della montagna che idee propongono?

    Di un Piano straordinario abbattimento delle barriere architettoniche urbane e degli edifici pubblici e privati! Di istituire almeno 5 comitati di Partecipazione (con componenti elettivi) dotati di un proprio bilancio per organizzare attività socio-culturali-ricreative e con potere riconosciuto di formulare proposte da discutere in Consiglio comunale?  


Sostieni Picusonline.it Effettua una donazione con PayPal

Picus On Line utilizza cookies per memorizzare informazioni sul tuo computer. Alcuni sono fondamentali per il funzionamento del nostro sito, altri ci aiutano a migliorare l'esperienza degli utenti. Utilizzando questo sito, acconsenti al posizionamento di questi cookies. Informazioni