Cronaca

Cittadini e ricostruzione: 'e le stelle stanno a guardare'

25 Febbraio 2019

Il punto di vista su terremoto e ricostruzione di Vita Picena, testata giornalistica locale, che con Roberto Gregori dice la sua sull'opportunità di spendere fondi destinati alla ricostruzione nel cratere in altri luoghi della regione Marche. Roberto Gregori è un ingegnere strutturista che fa parte dell'Ipe (Associazione Ingegneri italiani per la Prevenzione e l'Emergenza) con vasta esperienza sul tema terremoto. 

La redazione

25 Febbraio 2019 11:02

Ascoli - Riportiamo il punto di vista su terremoto e ricostruzione di Vita Picena, testata giornalistica locale, che con Roberto Gregori dice la sua sull'opportunità di spendere fondi destinati alla ricostruzione nel cratere in altri luoghi della regione Marche. Roberto Gregori è un ingegnere strutturista che fa parte dell'Ipe (Associazione Ingegneri italiani per la Prevenzione e l'Emergenza) con vasta esperienza sul tema terremoto e scrive:

"Ha destato clamore nelle zone terremotate della regione Marche relativamente ai fondi assegnati con FESR (Fondo europeo di sviluppo regionale) 2014-2020 - asse 8, il loro utilizzo deciso dalla giunta regionale delle Marche che, a quanto appare, coinvolge molti eventi non correlati alle problematiche post terremoto e alla rinascita socio economica delle aree del cratere sismico: infatti come è noto l’utilizzo di fondi per eventi e aree non coinvolte minimamente dall’evento sismico ha suscitato una aspra polemica anche a livello politico.

Abbiamo voluto anche noi approfondire quanto avvenuto, partendo dal comprendere cosa prevede l’ormai famigerato “asse 8” messo a disposizione con fondi aggiuntivi dalla comunità europea dopo gli eventi sismici; per farlo abbiamo voluto guardare quanto declamato dalla Regione Marche ed il comportamento di vicine regioni. Leggendo semplicemente la guida al programma operativo regionale FESR 2014-2020 delle Marche siamo messi a conoscenza che l’asse 8, asse prioritario dei FESR, è un asse prioritario aggiunto dalla Comunità Europea ai sette già esistenti “a seguito del sisma che ha colpito le Marche nel 2016” e, citando ancora testualmente la guida della regione Marche, “CON L’OBIETTIVO DI CONTRIBUIRE AL RITORNO DELLE CONDIZIONI SOCIO-ECONOMICHE PRECEDENTI AL SISMA, L’ASSE 8 METTE IN CAMPO UNA SERIE DI MISURE E AZIONI DIFFERENZIATE MA STRETTAMENTE CONNESSE, PER OFFRIRE RISPOSTE INTEGRATE A PROBLEMI COMPLESSI E STRETTAMENTE LEGATI ALLA ZONA DEL CRATERE”, frase accompagnata dalla immagine che vedete al margine dell’articolo, immagine che, assieme al testo lascia poco spazio alla fantasia: i fondi nelle declaratorie iniziali dovevano essere destinati a iniziative strettamente legate alle zone del cratere.

A conferma della destinazione prevista al momento della creazione dell’asse 8 vale la pena di osservare che la vicina regione Umbria è ancora più diretta; nel sito istituzionale troviamo un laconico “Asse 8 – Terremoto” che è di per sé un programma, certo non vincolante per la regione Marche ma indicativo anche in questo caso di come dovrebbero essere usati i fondi.

A quanto invece appare i fondi sono stati usati, in parte non secondaria, per eventi che nulla hanno a che vedere con le aree del cratere. Noi non abbiamo le conoscenze e le competenze per comprendere se quella fatta dalla Regione è un’operazione legittima o meno, ma sicuramente alla luce di quanto sopra riportato è una scelta che tradisce la fiducia di chi, vivendo nel cratere attendeva, a ragione, che quei fondi venissero totalmente utilizzati per agevolare a rinascita delle aree del cratere.

Appare anche fastidioso e irritante l’atteggiamento di alcuni membri della giunta regionale che, con veemenza hanno attaccato coloro che hanno sollevato la problematica, invocando persino le fake news e aggiungendo che non si tratta di fondi per la ricostruzione. Vedete cari politici, la ricostruzione di un’area colpita da un violento terremoto è come la lingua italiana, ovvero è composta da una sintassi e una semantica e la sintassi della ricostruzione è ridare forma e utilizzabilità a beni materiali, ma come nella nostra lingua una sintassi non ha senso senza un valore semantico dell’utilizzo della sintassi, così la utilizzabilità dei beni materiali non ha senso senza un collante che permetta la ripresa della attività, ovvero permetta l’utilizzo dei beni utilizzabili, aiutando a ricostruire il tessuto sociale ed economico delle aree colpite dal sisma. Quindi è bene ammettere che nella logica della guida della Regione Marche, sopra citata, il famigerato “asse 8” risulta essere a pieno titolo un fondo per la ricostruzione delle aree terremotate!

In pratica un quadro che lascia motivate perplessità su come i fondi sono usati, quadro che si aggiunge alla sconsolate situazione delle pratiche per la riparazione degli edifici terremoti che a causa delle regole ed interpretazione delle norme che ingessano l’avanzamento delle pratiche, languono negli Uffici Speciali per la Ricostruzione gestiti dalla Regione Marche.

Sarebbe opportuno, anzi forse necessario, un intervento istituzionale deciso per porre fine a disagi e storture, perché le stella dal firmamento intravedano una situazione finalmente migliore".



Sostieni Picusonline.it Effettua una donazione con PayPal

Picus On Line utilizza cookies per memorizzare informazioni sul tuo computer. Alcuni sono fondamentali per il funzionamento del nostro sito, altri ci aiutano a migliorare l'esperienza degli utenti. Utilizzando questo sito, acconsenti al posizionamento di questi cookies. Informazioni