Politica

Frenquellucci: ' È necessario abbandonare l'idea di rivolgersi ai cittadini disabili solo con la mera assistenza ma aiutarli a vivere una vita piena e integrata con la comunità'

10 Maggio 2019

'Ci impegneremo a condurre un'indagine sul numero dei disabili che concluso il percorso scolastico si ritrovano senza supporto di alcun tipo. Questo ci permetterà di coordinare diversi servizi per diverse fasce d'età, coordinando lo sforzo con tutte le realtà che si occupano di disabilità'.

La redazione

10 Maggio 2019 11:24

Ascoli - Pietro Frenquellucci, candidato Sindaco per il centrosinistra interviene sul tema della disabilità: "Deve essere un impegno chiaro della prossima amministrazione dare la possibilità ai cittadini con disabilità di essere soggetti pienamente attivi, con reali possibilità di accesso a tutti gli spazi della città, prospettive di lavoro e di completa inclusione sociale. È necessario abbandonare l'idea di rivolgersi ai cittadini disabili solo con la mera assistenza ma aiutarli a vivere una vita piena e integrata con la comunità. Lo possiamo fare se coinvolgiamo le realtà più attive sul territorio e indirizziamo in questa direzione alcuni spazi della città come già accade, ad esempio, alla bottega del terzo settore.

L'amministrazione deve favorire un sistema di presa in carico totale durante tutto l'arco di vita, soprattutto pianificando con attenzione il percorso di vita del disabile fuori dalla scuola, dove troppo spesso le famiglie vengono lasciate sole.

Ci impegneremo a condurre un'indagine sul numero dei disabili che concluso il percorso scolastico si ritrovano senza supporto di alcun tipo. Questo ci permetterà di coordinare diversi servizi per diverse fasce d'età, coordinando lo sforzo con tutte le realtà che si occupano di disabilità.

E' necessario assicurare l'implementazione efficace delle leggi 328/2000 sulla creazione di un progetto di vita per i disabili e sul "dopo di voi", due provvedimenti molto positivi che vanno sfruttati per garantire il supporto nelle fasi più decisive della vita di una persona con disabilità anche grave.

In quest'ottica è necessaria maggiore attenzione per i disabili adolescenti che hanno bisogno di spazi e attenzioni specifiche per accompagnare al meglio questa delicata fase di crescita. Questi ragazzi hanno bisogno di spazi adeguati e personale qualificato, non solo per sviluppare la loro socializzazione ma anche per l'inserimento in percorsi di formazione che diano loro prospettive per il futuro. Esistono già modelli positivi nella nostra città, come la bella esperienza dell'Orto di Paolo che abbiamo recentemente conosciuto, e intendiamo favorirne la diffusione con tutto il supporto dell'amministrazione.

Non dimentichiamoci delle famiglie che assicurano giornalmente assistenza ai loro disabili. Molte amministrazioni hanno sperimentato con successo l'idea di settimane di supporto completo da parte delle istituzioni, in corrispondenza di momenti dell'anno come le vacanze estive o di Natale, quando c'è più bisogno di aiuto e attenzione.

Non si può garantire una piena inclusione senza liberare gli spazi della città da qualunque ostacolo che impedisce l'accesso e il passaggio. Ci impegniamo sin da subito ad attuare un piano quinquennale di individuazione e azzeramento delle barriere architettoniche. Questo provvedimento è assolutamente necessario non solo per i cittadini ascolani ma fondamentale per una città che vuole fare del turismo uno dei pilastri della propria economia".


Sostieni Picusonline.it Effettua una donazione con PayPal

Picus On Line utilizza cookies per memorizzare informazioni sul tuo computer. Alcuni sono fondamentali per il funzionamento del nostro sito, altri ci aiutano a migliorare l'esperienza degli utenti. Utilizzando questo sito, acconsenti al posizionamento di questi cookies. Informazioni