Cronaca

Agricoltore distrutto psicologicamente ed economicamente dai danni alle colture provocate dai cinghiali

07 Giugno 2019

Monti: ' Mi sono stufato. O mettono riparo o rischio la galera: fate voi sto pieno di nervi, non si può andare avanti così? Sono soldi buttati e non raccolgo niente'. Chi deve andare a controllare per autorizzare l'abbattimento selezionato da oltre 10 giorni non si fa vedere.

La redazione

07 Giugno 2019 20:48

Ascoli - Michele Monti vive e coltiva i suoi terreni a Colonnata alta. I cinghiali lo stanno logorando giorno dopo giorno con i danni che provocano alle sue colture.


Quando possiamo andare avanti con queste situazioni, - dice Michele Monti - non sono venuti nemmeno a vedere i danni. Mi sono stufato. O mettono riparo o rischio la galera: fate voi sto pieno di nervi, non si può andare avanti così? Sono soldi buttati e non raccolgo niente”.


Non sa cosa più cosa fare: da una parte gli uffici della Regione gli dicono che per fare richiesta di danni e quindi di abbattimento selezionato degli animali debbono avere un verbale dell'Atc (Ambito territoriale di caccia). L'agricoltore è andato nell'ufficio preposto, gli hanno detto che sarebbero andati a fare un controllo dei danni, ma da oltre 10 giorni non si è visto nessuno. Nel frattempo branchi di cinghiali continuano disturbati a distruggere le sue coltivazioni.


Sostieni Picusonline.it Effettua una donazione con PayPal

Picus On Line utilizza cookies per memorizzare informazioni sul tuo computer. Alcuni sono fondamentali per il funzionamento del nostro sito, altri ci aiutano a migliorare l'esperienza degli utenti. Utilizzando questo sito, acconsenti al posizionamento di questi cookies. Informazioni