Politica

C'è il toto giunta ma il sindaco Marco Fioravanti non può non ripettare la legge che impone 4 donne nell'esecutivo

13 Giugno 2019

E se accordi ci fossero stati con le varie liste, come accade in un normale contratto civile tra due o più parti, vige il Codice che riporta nell'alveo della legittimità ogni clausola contrattuale che si discostasse dalla legge e magari privilegiasse gli interessi di uno rispetto ad altri. E' questo il primo scoglio che il sindaco Marco Fioravanti si trova dinanzi. E' nel modo di superarlo che un Sindaco dimostra maturità e forza di fronte ai suoi cittadini, di qualsiasi colore politico essi siano, perché le regole valgono per tutti.

Gaetano Amici

13 Giugno 2019 11:32

Ascoli - Come è naturale che sia, è scattato il toto-giunta dopo il passaggio di consegne tra l'ex sindaco Guido Castelli e il nuovo sindaco Marco Fioravanti.


E dato che il “buon giorno si vede dal mattino”, come recita un vecchio adagio, un Sindaco che voglia mettere insieme una buona squadra di governo cittadino deve dare un segnale ben preciso: il rispetto delle regole.

Se così non fosse, per gli ascolani, prima di tutti quelli che lo hanno votato, poi quelli che non lo hanno votato ma stanno alla finestra per capire che tipo di amministrazione si troveranno di fronte, le parole cambiamento, Sindaco del popolo, bene comune declamate in campagna elettorale, perderebbero da subito significato.


E visto che il rapporto di fiducia con la città deve essere al primo punto del programma amministrativo di un Sindaco, Marco Fioravanti non potrà disconoscere la regola delle 4 donne in giunta prevista dalla legge.


E se accordi ci fossero stati con le varie liste, come accade in un normale contratto civile tra due o più parti, vige il Codice che riporta nell'alveo della legittimità ogni clausola contrattuale che si discostasse dalla legge e magari privilegiasse gli interessi di uno rispetto ad altri.


E' questo il primo scoglio che il sindaco Marco Fioravanti si trova dinanzi. E' nel modo di superarlo che un Sindaco dimostra maturità e forza di fronte ai suoi cittadini, di qualsiasi colore politico essi siano, perché le regole valgono per tutti.


Questo primo atto, che si contrappone ad evidenti e per carità legittime aspirazioni, deve far riflettere tutti gli attori dell'attuale maggioranza sancita dagli elettori, se sia una buona partenza quella che si sfila da un cammino trasparente, compiendo invece tragitti obliqui che da molti anni hanno allontanato le persone dal voto.


Quindi l'atto di responsabilità cui il Sindaco in primis e tutti i protagonisti di questo nuovo percorso amministrativo debbono compiere è quello di valutare quale sia l'interesse della città, degli ascolani, rispetto a quelli personali.




Sostieni Picusonline.it Effettua una donazione con PayPal

Picus On Line utilizza cookies per memorizzare informazioni sul tuo computer. Alcuni sono fondamentali per il funzionamento del nostro sito, altri ci aiutano a migliorare l'esperienza degli utenti. Utilizzando questo sito, acconsenti al posizionamento di questi cookies. Informazioni