Cronaca

Nell'epoca della cardiochirurgia con robot guidati a distanza in realtà virtuale ancora si vuole spendere mezzo miliardo di euro per una cattedrale nel deserto come l'ospedale unico

30 Luglio 2019

Ce lo spiega lo spot di Tim sul 5g cosa è diventata già da diversi anni la medicina. Finitela.

Gaetano Amici

30 Luglio 2019 23:53

Ascoli - Nel Consiglio comunale di oggi è stato approvato il rendiconto della gestione 2018 con un avanzo di bilancio di oltre 800 mila euro.

Ma il punto centrale, a nostro avviso, arriva nella fase delle comunicazioni del sindaco Marco Fioravanti: “Abbiamo avuto un mandato popolare – dice il Sindaco – e se qualcuno pensa che le nostre posizioni siano cambiate sbaglia. Il Mazzoni è baricentrico rispetto ai territori colpiti dal terremoto, dista esattamente 31 chilometri da Comunanza. Dunque la posizione del Comune di Ascoli Piceno non può che essere quella del potenziamento dell'ospedale Mazzoni e della realizzazione di un'azienda ospedaliera su due plessi realizzando un'altra struttura per San Benedetto in una zona più facilmente raggiungibile dell'attuale Madonna del Soccorso. Con l'Azienda ospedaliera potremo finalmente gestire nel Piceno le risorse che arrivano dalla mobilità attiva dal vicino Abruzzo. E quando si dice che c'è una fuga dei primari dagli ospedali delle Marche – sottolinea Fioravanti – si dice una cosa inesatta, c'è una fuga dal Piceno, come nel caso del dottor Siquini che è andato a Macerata, un territorio da sempre penalizzato dalla giunta regionale che dal 2014 non è riuscita a varare un nuovo piano sanitario. Con un presidente, Ceriscioli, mai venuto in Consiglio comunale per ben tre volte, sebbene invitato, a spiegare la sua strategia per le Marche del sud con l'ospedale unico e sentire le nostre idee. Bene, lo invitiamo ancora una volta nel prossimo Consiglio comunale aperto sulla sanità. Ma noi non arretriamo, se occorre torneremo davanti al Mazzoni a raccogliere le firme”. Pietro Frenquellucci Pd) ha sottolineato come l'intervento del sindaco Fioravanti sia ancora da campagna elettorale".


Ora vi diciamo la nostra. E lo possiamo fare visto che la campagna elettorale è finita. Quella dell'ospedale unico di vallata è un insulto all'intelligenza media e al percorso che sta facendo la medicina negli ultimi 10 anni. C'è ancora chi parla di mura mentre certa politica perde di vista il nodo cruciale della sanità: le competenze di medici e infermieri e la tecnologia a loro supporto.

Ci tocca far pubblicità a Tim nostro malgrado perché guardando il suo ultimo spot sul 5G fa vedere come si possa operare a distanza da parte di un cardiochirurgo, mentre è addirittura al matrimonio di sua figlia, con la realtà virtuale attraverso un robot.




Bene quella sala operatoria potrebbe essere tranquillamente all'interno dell'ospedale Mazzoni o del Madonna del Soccorso. Non occorre spendere 500 milioni di euro occorre dotarsi di tecnologia che per il colmo potrebbe trovare posto all'interno di Palazzo dei Capitani se solo lo si volesse. E' chiaro che stiamo navigando nel mare del paradosso. Ma è ora di dire basta ai ciarlatani che vogliono togliere dalle tasche dei cittadini risorse che dovrebbero servire ad una bella campagna acquisti di professionisti, ad aumentare gli stipendi del medici e di infermieri, ad ampliare le sale dei Pronto soccorso, ad aprire il numero delle scuole di specializzazione a togliere il numero chiuso a Medicina. Fra breve l'Unione Europea potrebbe aprire l'ennesima infrazione contro l'Italia che aveva l'obbligo di assumere 20 mila medici da alcuni anni. Che certa politica finisca di raccontare balle ai cittadini. E' la negazione del metodo scientifico.


Sostieni Picusonline.it Effettua una donazione con PayPal

Picus On Line utilizza cookies per memorizzare informazioni sul tuo computer. Alcuni sono fondamentali per il funzionamento del nostro sito, altri ci aiutano a migliorare l'esperienza degli utenti. Utilizzando questo sito, acconsenti al posizionamento di questi cookies. Informazioni