Cronaca

Campus Estivi REMI – Es-tate con MeTe: fino al 6 settembre la Summer School presso l’Aula Verde di Castel Trosino

30 Agosto 2019

La redazione

30 Agosto 2019 22:21

Ascoli Piceno, 28 agosto 2019 - Il progetto REMI Rete Educativa MeTe ideato e coordinato dall’Associazione di Promozione Sociale La Casa di Asterione e realizzato insieme alla Fondazione Cassa di Risparmio di Ascoli Piceno, giunge al giro di boa del secondo anno di attività e dopo gli interventi promossi nelle scuole (con 20 istituti scolastici coinvolti e circa 500 giovani solo in un anno) e le attività di formazione artistica nel periodo invernale al Palafolli (teatro- danza- play circus - canto e musica – disegno creativo) con altri circa 200 giovani coinvolti è il tempo della "Summer School Estate con Me-Te" che prevede attività multidisciplinari d’arte anche nel periodo estivo dal 19 agosto al 6 Settembre presso Aula Verde a Castel Trosino in una vera e propria Summer School che vede coinvolti i partecipanti nelle varie materie artistiche in un periodo solitamente avaro di proposte e servizi dedicati e che ha visto anche coinvolto il Comune di Ascoli Piceno che da sempre crede nell’iniziativa con il coinvolgimento dell’Assessorato alle Politiche Sociali e dell’Assessore Massimiliano Brugni partner del progetto stesso.

" Alla base della mediazione artistica c’è l’Arte dell’incontro e della relazione. L’incontro tra Me -Te è l' incontro di realtà e soggettività diverse che entrano in contatto, è la conoscenza, ma anche la crescita reciproca attraverso la mediazione artistica. Il progetto REMI non è un “progetto per la disabilità” in cui i ragazzi con disabilità vengono di nuovo isolati ma un progetto che promuove le abilità differenti dove coetanei con e senza disabilità possono insieme fare un’esperienza significativa e positiva ed arrivare ad accettarsi l’un altro, a prescindere dalle proprie “abilità” o “disabilità” – perché tutte sono “esclusivamente” in possesso di differenti abilità. Il progetto REMI si fonda sulla convinzione che la diversità non è, e non può essere considerata, come un elemento di discriminazione, ma occasione di incontro e arricchimento reciproco".

Per questo tutte le attività si svolgono in integrazione tra giovani “speciali“ e volontari normodotati che entrano nelle attività alla pari attraverso il ponte esso a disposizione dallo strumento artistico.



Le attività residenziali estive di questi giorni oltre che a Castel Trosino sono state svolte anche a Comunanza e Acquasanta e nei prossimi giorni anche a Folignano, Appignano e Monteprandone che sono Comuni partner del progetto coinvolgendo altri 100 giovani dell’entroterra Piceno in un servizio che ha visto coinvolti anche gli Ambiti Territoriali Sociali

Uno sforzo organizzativo che vede coinvolti circa 10 operatori e altrettanti docenti professionisti nelle arte terapie e nella formazione di arte per il sociale e che garantisce sia nella parte invernale che in quella estiva un servizio innovativo “ strutturato “ che coinvolge giovani in età scolastica di vari livelli in attività scolastiche ed extra scolastiche nell’area del tempo libero con benefici diretti sia ai fruitori direttamente coinvolti che ai normodotati volontari e alle famiglie coinvolte con ottimi risultati di impatto sociale evidenti nelle operazioni di monitoraggio e valutazione del progetto stesso.



Sostieni Picusonline.it Effettua una donazione con PayPal

Picus On Line utilizza cookies per memorizzare informazioni sul tuo computer. Alcuni sono fondamentali per il funzionamento del nostro sito, altri ci aiutano a migliorare l'esperienza degli utenti. Utilizzando questo sito, acconsenti al posizionamento di questi cookies. Informazioni