Salute

Coronavirus: tutta Italia è zona rossa con il nuovo decreto del Governo Conte a partire dal 10 marzo e fino al prossimo 3 aprile

10 Marzo 2020

E i furbetti del coronavirus che sonno arrivati sulla costa picena e abruzzese cosa hanno risolto con la loro prodezza che può solo causare danni a tantissimi cittadini italiani?Intanto due detenuti arrivati da Modena al carcere di Marino del Tronto sono stati trasferiti all'ospedale Mazzoni e uno dei due è morto, mentre l'altro è in gravissime condizioni per over dose da oppiacei rubati e ingeriti presso l'infermieria del carcere di Modena.

La redazione

10 Marzo 2020 00:28

Ascoli - Ora ci siamo. Vista l'irresponsabilità di coloro che si sono riversati sui treni in fuga da Milano, il Governo in modo più che condivisibile ha fatto una scelta ineludibile: ora tutta Italia è zona rossa e i furbetti del coronavirus che sonno arrivati sulla costa picena e abruzzese cosa hanno risolto con la loro prodezza che può solo causare danni a tantissimi cittadini italiani?
 E il decreto del Governo entrato in vigore da ora parla chiaro:

"Su proposta del Ministro della salute, sentiti i Ministri dell'interno, della difesa, dell'economia e delle finanze, nonché i Ministri dell'istruzione, della giustizia, delle infrastrutture e dei trasporti, dell'università e della ricerca, delle politiche agricole alimentari e forestali, dei beni e delle attività culturali e del turismo, del lavoro e delle politiche sociali, per la pubblica amministrazione, per le politiche giovanili e lo sport e per gli affari regionali e le autonomie, nonché sentito il Presidente della Conferenza dei presidenti delle regioni;


DECRETA: ART. 1

Misure urgenti di contenimento del contagio sull'intero territorio nazionale

1. Allo scopo di contrastare e contenere il diffondersi del virus COVID-19 le misure di cui all'articolo i del decreto del Presidente del Consiglio dei ministri 8 marzo 2020 sono estese all'intero territorio nazionale.

2. Sull'intero territorio nazionale è vietata ogni forma di assembramento di persone in luoghi pubblici o aperti al pubblico.

3. La lettera d) dell'articolo 1 decreto del Presidente del Consiglio dei ministri 8 marzo 2020 è sostituita dalla seguente: "d) sono sospesi gli eventi e le competizioni sportive di ogni ordine e disciplina, in luoghi pubblici o privati. Gli impianti sportivi sono utilizzabili, a porte chiuse, soltanto per le sedute di allenamento degli atleti, professionisti e non professionisti, riconosciuti di interesse nazionale dal Comitato olimpico nazionale italiano (CONI) e dalle rispettive federazioni, in vista della loro partecipazione ai giochi olimpici o a manifestazioni nazionali ed internazionali; resta consentito esclusivamente lo svolgimento degli eventi e delle competizioni sportive organizzati da organismi sportivi internazionali, all'interno di impianti sportivi utilizzati a porte chiuse, ovvero all'aperto senza la presenza di pubblico; in tutti tali casi, le associazioni e le società sportive, a mezzo del proprio personale medico, sono tenute ad effettuare i controlli idonei a contenere il rischio di diffusione del virus COVID-19 tra gli atleti, i tecnici, i dirigenti e tutti gli accompagnatori che vi partecipano; lo sport e le attività motorie svolti all'aperto sono ammessi esclusivamente a condizione che sia possibile consentire il rispetto della distanza interpersonale di un metro;".

ART. 2 (Disposizioni finali) 1. Le disposizioni del presente decreto producono effetto dalla data de! IO marzo 2020 e sono efficaci fino al 3 aprile 2020. 2. Dalla data di efficacia delle disposizioni del presente decreto cessano di produrre effetti le misure di cui agli articoli 2 e 3 del decreto del Presidente del Consiglio dei ministri 8 marzo 2020 ove incompatibili con la disposizione dell'articolo 1 del presente decreto.  


Intanto due detenuti arrivati da Modena al carcere di Marino del Tronto sono stati trasferiti all'ospedale Mazzoni e uno dei due è morto, mentre l'altro è in gravissime condizioni per over dose da oppiacei rubati e ingeriti presso l'infermieria del carcere di Modena.


Il vademecum del Ministero della Salute




Sostieni Picusonline.it Effettua una donazione con PayPal

Picus On Line utilizza cookies per memorizzare informazioni sul tuo computer. Alcuni sono fondamentali per il funzionamento del nostro sito, altri ci aiutano a migliorare l'esperienza degli utenti. Utilizzando questo sito, acconsenti al posizionamento di questi cookies. Informazioni