L'opinione

Dalla rivista Science: 'I medici corrono per comprendere le rare condizioni infiammatorie associate al coronavirus nei giovani'

22 Maggio 2020

'I resoconti di bambini sul supporto vitale e alcuni decessi mettono i genitori al limite, e sono stati particolarmente scoraggianti dopo i primi segnali che COVID-19 risparmia in gran parte i bambini da gravi malattie'.

La redazione

22 Maggio 2020 13:21

Ascoli - Questo l'articolo di Jennifer Couzin-Frankel alla quale diciamo grazie per il contributo alla conoscenza di quanto può essere impattante questa pandemia.

"Tre bambini in un ospedale di Londra a metà aprile, seguiti il ​​giorno successivo da tre in un altro: per Elizabeth Whittaker, una dottoressa pediatrica in malattie infettive all'Imperial College di Londra, quei primi casi hanno suscitato un allarme. I giovani avevano febbre, eruzioni cutanee, mal di stomaco e, in alcuni casi, problemi cardiaci, insieme a marcatori di sangue che caratterizzano COVID-19 negli adulti, incluso uno associato alla coagulazione. Ma nella maggior parte dei casi, i tamponi nasali non hanno rivelato alcun virus.

"Non capisco: sembrano avere il coronavirus", ricorda Whittaker pensando. Tuttavia i medici sospettavano un collegamento. Nel giro di pochi giorni, un sondaggio ha rivelato 19 casi aggiuntivi in ​​tutta l'Inghilterra e un allarme il 27 aprile ha chiesto ai medici di cercare tali sintomi nei bambini. Poco dopo, decine di altri casi sono emersi a New York insieme a piccoli gruppi altrove, rafforzando una connessione con la pandemia. I resoconti di bambini sul supporto vitale e alcuni decessi mettono i genitori al limite, e sono stati particolarmente scoraggianti dopo i primi segnali che COVID-19 risparmia in gran parte i bambini da gravi malattie.

È un'altra sorpresa da un virus che ha  offerto molti , e progetti in tutto il mondo si stanno preparando per studiarlo. Stanno pettinando il sangue e sequenziando il genoma dei pazienti - e il virus, se può essere isolato da loro - per cercare indizi su ciò che rende alcuni bambini sensibili e su come evitare i sintomi peggiori. C'è speranza che ciò che viene appreso dai giovani pazienti possa aiutare i molti adulti in cui COVID-19 innesca anche una grave reazione eccessiva del sistema immunitario.

Per alcuni aspetti, "Non è assolutamente scioccante" vedere questo, afferma Rae Yeung, reumatologo e immunologo presso l'Ospedale per bambini malati, il cui centro ha curato 20 bambini nelle ultime 3 settimane con sintomi simili. Molti patogeni provocano occasionalmente una risposta immunitaria iperattiva simile nei bambini, nota come malattia di Kawasaki. I suoi sintomi variano ma includono eruzione cutanea, febbre e infiammazione nei vasi sanguigni di medie dimensioni. I bambini possono soffrire di problemi cardiaci. In rari casi, la pressione sanguigna precipita e lo shock si manifesta.

I medici non sono d'accordo sul fatto che la variante legata a COVID-19 sia la malattia di Kawasaki o qualcosa di nuovo, con alcuni esperti che la chiamano sindrome infiammatoria multisistemica nei bambini. Ma come con la malattia di Kawasaki, la maggior parte guarisce con il trattamento, inclusi steroidi e immunoglobuline, che calmano il sistema immunitario.

Nel collegare la sindrome infiammatoria a COVID-19 ,  "Stiamo andando oltre un semplice sospetto", afferma Jesse Papenburg, specialista in malattie infettive pediatriche all'ospedale pediatrico di Montreal, in una città che ha visto circa 25 bambini con questa condizione. La malattia di Kawasaki è rara, di solito colpisce solo da uno a tre su 10.000 bambini nei paesi occidentali, sebbene sia più comune nei bambini con origini asiatiche. I picchi registrati finora, nei punti caldi di COVID-19 come il nord Italia e New York City, seguono la nuova marcia del coronavirus in tutto il mondo. E anche se una minoranza di questi bambini risulta positiva alla SARS-CoV-2, uno studio  pubblicato su  The Lancet da un team di Bergamo, Italia, ha riferito che otto su 10 bambini con la malattia simile a Kawasaki avevano anticorpi contro il virus, indicando che erano stati infettati. Test anticorpali positivi sono stati riportati anche in bambini malati altrove.

"Era ovvio che esisteva un collegamento", afferma Lorenzo D'Antiga, un pediatra dell'ospedale Papa Giovanni XXIII che ha guidato lo studio. Il nuovo coronavirus può suscitare una potente risposta immunitaria, che secondo lui potrebbe spiegare perché lo shock e una massiccia reazione immunitaria chiamata tempesta di citochine sono più comuni nei casi collegati a COVID-19 che nel libro di testo della malattia di Kawasaki. E un intervallo di tempo tra l'infezione e la malattia simile a quella di Kawasaki potrebbe spiegare perché molti dei bambini colpiti non mostrano alcuna evidenza del virus. La reazione eccessiva del sistema immunitario potrebbe manifestarsi nel corso di settimane, anche se il virus potrebbe nascondersi da qualche parte nel corpo.

"Esiste chiaramente una componente genetica di base" che mette a rischio un piccolo numero di bambini, afferma Tom Maniatis, direttore fondatore della Precision Medicine Initiative della Columbia University. Lo stato di New York sta studiando 157 casi e Maniatis è anche CEO del New York Genome Center, che sta perseguendo il sequenziamento dell'intero genoma dei bambini affetti e dei loro genitori, nonché il sequenziamento del virus riscontrato nei bambini, con il consenso della famiglia. L'individuazione di geni che aumentano il rischio di malattia o lo sviluppo di un caso grave potrebbe indicare trattamenti migliori o aiutare a identificare i bambini che possono improvvisamente peggiorare".

Il link ufficiale https://www.sciencemag.org/news/2020/05/doctors-race-understand-rare-inflammatory-condition-associated-coronavirus-young-people?utm_campaign=news_daily_2020-05-21&et_rid=692267731&et_cid=3335518


Sostieni Picusonline.it Effettua una donazione con PayPal

Picus On Line utilizza cookies per memorizzare informazioni sul tuo computer. Alcuni sono fondamentali per il funzionamento del nostro sito, altri ci aiutano a migliorare l'esperienza degli utenti. Utilizzando questo sito, acconsenti al posizionamento di questi cookies. Informazioni