Cronaca

Picchia l’arbitro a fine gara: Daspo a calciatore per un anno e ad altri quattro esagitati

14 Luglio 2020

 Dopo averlo apostrofato in malo modo, gli ha assestato un cazzotto alla schiena talmente forte che il direttore di gara è dovuto andare al Pronto Soccorso per il trauma subito. 

La redazione

14 Luglio 2020 10:59

San Benedetto - Un ventenne di San Benedetto del Tronto, tesserato per una società di quella città iscritta al campionato juniores di calcio, è stato daspato per un anno dal Questore della provincia di Ascoli Piceno, poiché ha sferrato un pugno all’arbitro al termine di una partita. E’ accaduto alla fine del 2019, quando le competizioni sportive non erano ancora state bloccate per il COVID-19.


Lui, innervositosi per l’andamento sfavorevole del match, quando erano trascorsi una manciata di secondi dal triplice fischio finale si è avvicinato all’arbitro e, dopo averlo apostrofato in malo modo, gli ha assestato un cazzotto alla schiena, talmente forte che il direttore di gara è dovuto andare al Pronto Soccorso per il trauma subito. Al giovane calciatore, che in quanto a sportività ha denotato parecchie lacune, il daspo è stato notificato alcuni giorni fa e ora lui, per i prossimi dodici mesi, non potrà più essere schierato in campo dal suo team in tutti i tornei, nazionali e internazionali, nonché nel corso di partite amichevoli.


Altri daspo sono stati preparati dagli investigatori della Divisione Polizia Anticrimine e firmati dal Questore di Ascoli Piceno nei confronti di tre supporters dell’Anconitana e di uno della Juve Stabia. Nel primo caso i fatti risalgono allo scorso febbraio, durante una partita tenutasi al Ciarrocchi, sempre a San Benedetto del Tronto, quando i tre esagitati, tutti di Ancona, si sono avvicinati alle paratie metalliche di separazione tra i settori degli ospiti e dei locali, iniziando a sputare e scaraventare oggetti contro i sostenitori della squadra di casa. Ma sono stati filmati dai poliziotti della Scientifica del Commissariato cittadino che, poi, si sono messi in contatto con i colleghi della Questura di Ancona per dare un nome ai facinorosi. E ci sono riusciti, tant’è che un 35enne, che aveva pure tentato di valicare la recinzione e lanciato fumogeni nel settore dei locali, per due anni non potrà più avvicinarsi agli stadi. I suoi due compagni, di 27 e 28 anni, per vedere le partite dovranno aspettare dodici mesi.


L’ultimo daspo è toccato a un sostenitore della Juve Stabia, anch’egli giunto lo scorso febbraio ad Ascoli Piceno per assistere alla partita della sua squadra di calcio. Lui, un 19enne di Vico Equense ma residente a Castellammare di Stabia, dopo aver oltrepassato il filtraggio ai cancelli, ha spintonato uno steward al fine di consentire ad altri suoi amici di entrare allo stadio senza essere controllati. La sua strategia non ha sortito l’effetto sperato, tant’è che in quella circostanza nessuno è riuscito a imbucarsi sugli spalti e lui, ripreso dalle telecamere, è stato poi identificato dai poliziotti della Questura di Ascoli Piceno e del Commissariato della città vesuviana, che avevano ricevuto il video sui disordini. Ora lo pseudo tifoso di calcio allo stadio ci potrà tornare solo fra un anno.


Sostieni Picusonline.it Effettua una donazione con PayPal

Picus On Line utilizza cookies per memorizzare informazioni sul tuo computer. Alcuni sono fondamentali per il funzionamento del nostro sito, altri ci aiutano a migliorare l'esperienza degli utenti. Utilizzando questo sito, acconsenti al posizionamento di questi cookies. Informazioni