Cronaca

Anna Casini: 'Castel di Luco, nell'Acquasantano, è un castello di grande pregio che sta per essere riconsegnato a tutta la collettività'

19 Luglio 2020

La redazione

19 Luglio 2020 09:30

Ascoli - “Uno degli interventi più importanti realizzati nella provincia di Ascoli Piceno sia dal punto di vista strutturale che storico, perché è un castello di forma circolare composto da molti ambienti realizzati in epoche diverse e ha avuto necessità di un grande impegno tecnico e di esperienza per non snaturarne l'essenza, pur usando tecniche innovative. Un manufatto storico di grande pregio che sta per essere riconsegnato a tutta la collettività. Ancora una volta la cultura è un grande impulso per il turismo: in questo caso c’è un legame diretto con l'accoglienza perché il castello è anche una struttura ricettiva, collegata con le Terme di Acquasanta e nell’immediato futuro con la grotta sudatoria di proprietà della Regione che, grazie a un finanziamento di 6 milioni di euro, potrà tornare al suo splendore. Sono personalmente molto felice per il proprietario che anni fa aveva messo anima e cuore nel ristrutturare il castello, un enorme lavoro andato distrutto dal terremoto. Oggi grazie alla sua tenacia e all'amore per la sua terra tutti noi possiamo tornare ad ammirare Castel di Luco, preservandolo e consegnandolo ai nostri figli”.


Così la vicepresidente della Regione Marche Anna Casini che questa mattina, insieme al progettista e direttore dei lavori Arch. Valerio Borzacchini, ha fatto visita al cantiere di Castel di Luco nel Comune di Acquasanta Terme. Qui sorge la splendida costruzione e avamposto fortificato nel periodo romano che conserva ancora il suo aspetto di struttura architettonica medioevale. Nei secoli il castello si è trasformato da fortezza in residenza gentilizia e che prima del sisma era utilizzato come struttura ricettiva e ristorante all’interno del borgo circostante. Il terremoto ha colpito duramente il castello provocando ingenti danni a murature, solai, volte e coperture ed è stato uno dei primi beni culturali privati a essere stato messo in sicurezza.


“I lavori di ristrutturazione – ha sottolineato Borzacchini - hanno compreso anche il miglioramento sismico e il restauro dell’intero immobile e del suo apparato storico – artistico utilizzando reti di contenimento nell’apparato murario ed effettuato il consolidamento delle volte con rinforzi di acciaio e fibre di carbonio”. Attualmente il cantiere si trova ad aver realizzato il 70% delle opere e ci si appresta ad affrontare la fase finale dell’impiantistica, delle finiture e dei restauri storico artistici. Il cantiere è stato costantemente seguito dalla Soprintendenza per i beni archeologici, architettonici e paesaggistici delle Marche e dagli Uffici dell’USR. Salvare un bene culturale come un castello, sebbene di proprietà privata, oltre all’aspetto storico e culturale è anche una importante vettore economico che offre occupazione e aiuto all’economia locale.


Sostieni Picusonline.it Effettua una donazione con PayPal

Picus On Line utilizza cookies per memorizzare informazioni sul tuo computer. Alcuni sono fondamentali per il funzionamento del nostro sito, altri ci aiutano a migliorare l'esperienza degli utenti. Utilizzando questo sito, acconsenti al posizionamento di questi cookies. Informazioni