Salute

CISL FP Marche: L'Area Vasta 4 parla di potenziare il territorio e l’assistenza domiciliare, lo faccia seriamente: gli operatori sanitari devono lavorare in sicurezza

18 Ottobre 2020

La redazione

18 Ottobre 2020 10:37

Fermo - Allarmanti e pericolosi, sono due aggettivi che vengono in mente se si vanno a leggere i dati e si verificano le condizioni della maggior parte delle autovetture sulle quali gli infermieri dell’AV4 , che ogni giorno percorrono chilometri e chilometri con qualsiasi tempo e su qualsiasi tipo di strade, sono costretti a salire per recarsi a domicilio dei pazienti ed assisterli. Parliamo degli infermieri dell’Assistenza Domiciliare ( ADI) quelli che da mesi, in ogni trasmissione e documento collegati all’emergenza COVID, tutti indistintamente, riconoscono di essere professionisti strategici nella nuova ottica organizzativa sanitaria in tempi di coronavirus.


Assicurare l’assistenza a casa, è una strategia per combattere e vincere il virus con azione preventiva e dissuasiva dal recarsi nelle strutture ospedaliere con il rischio di infettarle. Tutto questo però, va fatto in sicurezza. La CISL FP Marche allora ha voluto approfondire se nel territorio del Fermano quindi in Area Vasta 4, ci sia stata attenzione particolare a questo settore della sanità e sia stato effettivamente potenziato.


Va detto in premessa, che in Area Vasta 4, il lavoro delle USCA è stato essenziale per fronteggiare le tantissime richieste d’intervento dei cittadini soprattutto nei mesi critici di marzo, aprile e maggio durante il lockdown. L’ADI però, garantisce un servizio diverso dalle USCA. Rappresenta la tipologia di sanità di prossimità, che deve garantire sempre - non solo in tempi di coronavirus - l'assistenza a domicilio. Con quali mezzi opera? Con quali supporti logistici e di sicurezza, gli infermieri si spostano per recarsi in casa dei malati ? In che condizioni sono le automobili che utilizzano?


La CISL FP Marche non può che denunciare una sorta di triste realtà: le chiacchiere sono chiacchiere ma i fatti sono altri purtroppo.


Quali sono i fatti? All’atavica carenza di personale infermieristico di cui soffre la sanità fermana - sempre smentita negli anni passati dalla Direzione di Area Vasta 4 e da certa politica che vive di propaganda, fuorché poi, con l’avvento del Covid, dovere ammettere numeri di carenze soprattutto di infermieri ed OSS da far tremare i polsi - non ha risparmiato nemmeno l’ADI. Nel caso specifico, però, si aggiunge alla mancanza di infermieri anche la problematica che riguarda la sicurezza sul lavoro.  


Sostieni Picusonline.it Effettua una donazione con PayPal

Picus On Line utilizza cookies per memorizzare informazioni sul tuo computer. Alcuni sono fondamentali per il funzionamento del nostro sito, altri ci aiutano a migliorare l'esperienza degli utenti. Utilizzando questo sito, acconsenti al posizionamento di questi cookies. Informazioni