coronavirus

L'assessore Saltamartini introduce l'idrossiclorochina contro il Covid-19, ma importanti studi internazionali dicono che non produce alcun effetto

09 Novembre 2020

La superficialità e l'ideologia, di qualsiasi colore siano, non ci piacciono quando si parla di scienza e cura delle persone. 

Gaetano Amici

09 Novembre 2020 18:06

Filippo Saltamartini

Ascoli - Se il buongiorno si vede dal mattino, per dirla con una adagio, non è un buon inizio quello dell'assessore alla Sanità della Regione Marche con la richiesta di introduzione dell'idrossiclorochina tanto cara all'ex presidente Trump. Saltamartini dovrebbe studiare di più e per dare un contributo pubblichiamo, sperando che abbia la bontà di leggerlo, un articolo di "Science" una "Bibbia" nel campo delle ricerca scientifica mondiale, scritto da Kai Kupferschmidt.

I marchigiani non meritano questa superficialità così come quella che ha condotto alla realizzazione del Covid Hospital di Civitanova Marche.


Tre grandi studi offuscano la speranza che l'idrossiclorochina possa trattare o prevenire il COVID-19


Di Kai Kupferschmidt 9 giugno 2020, 17:15


Attraverso la nebbia di presunta cattiva condotta, speranza, clamore e politicizzazione che circonda l'idrossiclorochina, il farmaco contro la malaria pubblicizzato come trattamento COVID-19, sta emergendo un quadro scientifico.

Lodata dai presidenti come potenziale cura miracolosa e liquidata da altri come una distrazione mortale, la scorsa settimana l'idrossiclorochina è stata risparmiata da un apparente colpo mortale. Il 4 giugno, dopo che i critici hanno contestato i dati, 

The Lancet ha improvvisamente ritirato un articolo che aveva suggerito che il farmaco aumentasse il tasso di mortalità nei pazienti COVID-19, una scoperta che aveva bloccato molti studi clinici nelle loro tracce. Ma ora tre ampi studi, due su persone esposte al virus e a rischio di infezione e l'altro su pazienti gravemente malati, non mostrano alcun beneficio dal farmaco. Arrivando in cima a precedenti studi più piccoli con risultati deludenti, i nuovi risultati significano che è ora di andare avanti, dicono alcuni scienziati, e terminare la maggior parte delle prove ancora in corso.

"Sembra che stiamo ignorando un segnale dopo l'altro", afferma Eric Topol, direttore dello Scripps Translational Science Institute. La sua promozione da parte del presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha portato a una "ossessione" scientifica per l'idrossiclorochina, nonostante le scarse prove della sua promessa, dice. "Faremmo meglio a spostare la nostra attenzione sui farmaci che potrebbero effettivamente funzionare." Peter Kremsner dell'Università di Tubinga concorda con l'idrossiclorochina "di certo non è un farmaco miracoloso". I nuovi risultati lo hanno lasciato "alle prese" con la questione se procedere con due studi sull'idrossiclorochina, uno in ospedale e l'altro in pazienti con malattie più lievi a casa.

L'idrossiclorochina e il suo farmaco gemello clorochina sono stati usati per decenni contro la malaria e altre malattie. La prima prova che potrebbero funzionare contro SARS-CoV-2 è arrivata dai dati in provetta. Da allora, centinaia di prove sono state avviate in tutto il mondo. Gli scienziati stanno provando i farmaci a basse dosi e ad alte dosi; da solo o in combinazione con l'antibiotico azitromicina, il composto antivirale favipiravir o altri farmaci; e nei pazienti con malattia lieve o grave, operatori sanitari, donne incinte e persone che vivono con l'HIV.

Il 5 giugno, i ricercatori nel Regno Unito hanno annunciato i risultati del più grande studio finora, Recovery, in un comunicato stampa . In un gruppo di 1542 pazienti ospedalizzati trattati con idrossiclorochina, il 25,7% era morto dopo 28 giorni, rispetto al 23,5% in un gruppo di 3132 pazienti che avevano ricevuto solo cure standard. "Questi dati escludono in modo convincente qualsiasi beneficio significativo sulla mortalità", hanno scritto i ricercatori, che hanno concluso lo studio in anticipo e hanno promesso di pubblicare i risultati completi il ​​prima possibile.

I risultati stanno convincendo alcuni medici a smettere di usare il farmaco per COVID-19. "La sperimentazione Recovery, oltre ai segnali di altri studi che abbiamo ricevuto finora, sono sufficienti per convincermi a non offrire idrossiclorochina ai pazienti ricoverati", ha scritto in una e-mail Nahid Bhadelia, medico del Boston Medical Center. Martin Landray dell'Università di Oxford, uno dei principali investigatori di Recovery, concorda: "Se tu, tuo coniuge, tua madre viene ricoverata in ospedale e le viene offerta l'idrossiclorochina, non prenderla", dice.

Ma alcuni scienziati dicono di voler vedere tutti i dati prima di prendere una decisione. Circa un paziente su quattro è morto in entrambi i bracci dello studio, osserva Kremsner: un tasso molto alto, che suggerisce che fossero gravemente malati all'inizio del trattamento. Nicholas White della Mahidol University di Bangkok, che studia anche l'idrossiclorochina, concorda sul fatto che i dati completi devono essere valutati. "Ma nel complesso, è molto improbabile, a mio avviso in questo momento seduto qui, che qualcosa cambierà", dice.

Un'altra speranza per l'idrossiclorochina, che potrebbe impedire alle persone esposte al virus di ammalarsi, è svanita la scorsa settimana quando David Boulware dell'Università del Minnesota, Twin Cities e colleghi hanno pubblicato i risultati del più grande studio fino ad oggi su questa strategia, chiamato profilassi post-esposizione (PEP). I ricercatori hanno inviato l'idrossiclorochina o un placebo per posta a 821 persone che erano state a stretto contatto con un paziente COVID-19 per più di 10 minuti senza un'adeguata protezione. Hanno riferito nel New England Journal of Medicine che il 12% delle persone che hanno assunto il farmaco ha sviluppato i sintomi del COVID-19, contro il 14% in un gruppo placebo, una differenza che non era statisticamente significativa.

Anche un secondo grande processo PEP è risultato vuoto, dice il suo leader a Science . Condotto a Barcellona, ​​in Spagna, quello studio ha randomizzato più di 2300 persone esposte al virus all'idrossiclorochina o alle cure abituali. Non c'era alcuna differenza significativa tra il numero di persone in ciascun gruppo che hanno sviluppato COVID-19, afferma Oriol Mitjà del Germans Trias i Pujol University Hospital. Mitjà dice di aver presentato i risultati per la pubblicazione.

I dati sono importanti perché provengono da ampi studi randomizzati. Finora, la maggior parte dei dati proveniva da piccoli studi o serie di casi. Una meta-analisi di 24 studi di questo tipo  pubblicati negli  Annals of Internal Medicine ha  concluso che c'erano "prove insufficienti e spesso contrastanti sui benefici e sui danni dell'utilizzo di idrossiclorochina o clorochina per il trattamento del COVID-19".

Le nuove scoperte sollevano interrogativi sull'opportunità di interrompere altri studi. La maggior parte è molto più piccola di Recovery e quindi meno potente; è improbabile che i loro risultati cambino molte menti. E continuare le prove potrebbe impedire ai ricercatori di testare farmaci con maggiori possibilità di lavorare e derubare i pazienti della possibilità di provarli. Landray afferma che è probabile che l'Organizzazione mondiale della sanità (OMS) interrompa il braccio idrossiclorochina del suo ampio studio di trattamento COVID-19, chiamato Solidarity. "Penso che la decisione sia abbastanza ovvia", dice. L'OMS dice che sta valutando il problema.

C'è un'eccezione. Molti ricercatori concordano sul fatto che si possa dimostrare un buon motivo per continuare a testare se l'idrossiclorochina può prevenire l'infezione se somministrata alle persone nel caso in cui vengano esposte al virus, ad esempio sul lavoro in un ospedale - una strategia chiamata profilassi pre-esposizione ( PrEP). "Hai molte più possibilità di prevenire qualcosa con un farmaco debole che di curare un'infezione completamente stabilita", afferma White, che gestisce  uno dei più grandi studi sulla PrEP . Egli osserva che la doxiciclina, un antibiotico, è stata a lungo utilizzata nella profilassi della malaria. “Non tratteremmo mai nessuno con esso, è troppo debole. Ma è un'ottima profilassi. "

Landray, tuttavia, è sul recinto sul continuare i processi di profilassi: "Sospetto che sia una di queste decisioni in cui non c'è un giusto o uno sbagliato". È una domanda importante, dice Bhadelia, perché un farmaco PrEP efficace potrebbe avere un impatto importante sulla pandemia. L'idrossiclorochina, un farmaco economico e ampiamente disponibile, è uno dei pochi composti che potrebbero adattarsi al conto.

Ma il   documento di Lancet , nonostante la sua ritrattazione, renderà più difficile continuare gli attuali processi, lamenta White. Pubblicato il 22 maggio, lo studio ha affermato, presumibilmente sulla base dei dati di 96.000 pazienti in tutto il mondo, che l'idrossiclorochina e la clorochina, somministrate da sole o in combinazione con un altro farmaco, hanno causato un forte aumento dei decessi. Ciò ha portato molte agenzie di regolamentazione a chiedere agli scienziati di interrompere le loro sperimentazioni e assicurarsi che non danneggiassero i loro pazienti. Recupero e Solidarietà sono stati temporaneamente interrotti, ma sono stati ripresi dopo che un comitato di sicurezza ha esaminato i dati.

Molte altre prove sono ancora in pausa. Le autorità di regolamentazione del Regno Unito, ad esempio, hanno chiesto una serie di garanzie aggiuntive, afferma Joseph Cheriyan, farmacologo clinico presso l'ospedale universitario di Cambridge e ricercatore principale di uno  studio PrEP su operatori sanitari . Quello studio ha già escluso i pazienti che assumono uno qualsiasi di diverse dozzine di farmaci, ma Cheriyan afferma che i regolatori hanno chiesto ulteriori modifiche, il che riporterà la sperimentazione a settimane. E nonostante la   ritrattazione di Lancet , i titoli allarmanti sui rischi del farmaco hanno reso molto più difficile convincere le persone a partecipare a un processo, dice White. "Penso solo che queste prove siano state gravemente danneggiate e alcune di esse potrebbero non ricominciare mai."

Il problema per gli scienziati è che c'è una tale fretta di trovare cure per il virus in rapida diffusione, dice Mitjà: "La pressione è immensa". Tuttavia, ciò non dovrebbe impedire ai ricercatori di analizzare correttamente i dati e prendere decisioni attentamente ponderate, afferma White. "Non dobbiamo sempre agire oggi", dice. "Non fatevi prendere dal panico."




Sostieni Picusonline.it Effettua una donazione con PayPal

Picus On Line utilizza cookies per memorizzare informazioni sul tuo computer. Alcuni sono fondamentali per il funzionamento del nostro sito, altri ci aiutano a migliorare l'esperienza degli utenti. Utilizzando questo sito, acconsenti al posizionamento di questi cookies. Informazioni