Lavoro

Ascoli: 198 i contagi da Covid-19 sul lavoro

30 Gennaio 2021

Gli esperti legali: 'Impasse' tra datore di lavoro e Ats su contagi in azienda, non aiuta la situazione'.


la redazione

30 Gennaio 2021 10:49

Ascoli - Secondo il recente rapporto Inail* appena presentato, i contagi da coronavirus sul luogo di lavoro a livello nazionale hanno ormai superato la soglia dei 131.000 casi.

In questo scenario le Marche con 2.821 casi rappresentano il 2,2% degli infortuni sul totale nazionale, di questi 1.992 sono donne (71%), mentre 829 (29%) sono uomini. La provincia di Ancona, dove si registrano 944 casi è quella più colpita.

Nella provincia di Ascoli si registrano 198 casi (che rappresenta il dato più basso in regione), di cui 125 donne e 73 con un’incidenza del 6,9 % sul dato regionale. .

Una lettura del report, e del suo trend crescente, la forniscono gli esperti legali che osservano come nel rapporto azienda e lavoratore in materia di Covid vi sia un aspetto di criticità nel rapporto con le ATS, Agenzia di Tutela della Salute: “L’impasse – spiega l’avv. Irene Pudda di Rödl & Partner, esperta in privacy & labour complianceè dovuta al fatto che il datore di lavoro non è autorizzato a comunicare ai colleghi il nominativo di un dipendente risultato positivo. L’azienda è tenuta a fornire all’ATS le informazioni necessarie perché quest’ultima possa assolvere ai compiti previsti dalla normativa emergenziale e, contemporaneamente, ha facoltà di domandare ai possibili contatti stretti di lasciare cautelativamente i locali aziendali, ma è l’ATS che ha la potestà di contattare i lavoratori per poi applicare le opportune misure di quarantena.”

Il rischio, così facendo, è che le aziende lascino operativi interi reparti o uffici con il pericolo di diffusione del virus, non solo tra i dipendenti che sono stati a contatto diretto con il soggetto contagiato, ma anche tra i loro famigliari e i conoscenti.

Tuttavia non si può fare diversamente – chiarisce l’avv. Pudda di Rödl & Partner – La procedura è volta a tutelare la privacy del lavoratore risultato positivo al coronavirus. Certo, come è facile immaginare, procedere alla disinfezione della postazione di lavoro, delle attrezzature utilizzate e degli spazi comuni frequentati dal dipendente, domandare ai possibili contatti stretti di lasciare cautelativamente i locali aziendali, nonché isolare o chiudere gli uffici in cui il dipendente ha lavorato garantendone allo stesso tempo la totale riservatezza è di difficile applicazione.”

Nel dettaglio della rilevazione dell’INAIL nelle Marche le denunce di infortunio causa Covid-19 sono per il 33,5% dei casi localizzate nella provincia di Ancona con 944 infortuni, seguita da quella di Pesaro-Urbino con 888 casi (31,5%), Macerata con 569 (20,2%), Fermo con 222 casi (7,9%) e infine Ascoli Piceno con 198 casi (6,9%).

https://www.inail.it/cs/internet/docs/alg-marche-scheda-regionale-covid-31-dicembre-2020.pdf



Sostieni Picusonline.it Effettua una donazione con PayPal

Picus On Line utilizza cookies per memorizzare informazioni sul tuo computer. Alcuni sono fondamentali per il funzionamento del nostro sito, altri ci aiutano a migliorare l'esperienza degli utenti. Utilizzando questo sito, acconsenti al posizionamento di questi cookies. Informazioni